Maltempo, in Liguria è allerta rossa

Arpal, alla luce delle ultime uscite modellistiche e dello scenario idrogeologico già presente sul territorio, ha così modificato l’allerta meteo, arrivando all’ALLERTA ROSSA su tutto il centro-ponente regionale.

Da circa due mesi la Liguria è soggetta agli effetti di perturbazioni, capaci di saturare quasi tutto il territorio. Dopo le precipitazioni ieri, oggi sono previsti ancora fenomeni prefrontali (sotto forma di piogge anche intense e temporali) che annunciano l’arrivo di un’altra perturbazione atlantica, intensa e strutturata, attiva da stasera fino alla parte centrale di domenica.

La configurazione a larga scala è caratterizzata da due importanti sistemi: a Est, sui Balcani, una salda zona di alta pressione crea una barriera; a Ovest, una massa di aria fredda scende dal Nord Atlantico fin sopra il Marocco, determinando un richiamo caldo e umido sull’Italia Occidentale.

La Liguria si trova “sul ramo ascendente” della configurazione: in parole semplici, sarà investita per quasi due giorni da correnti principalmente di Scirocco, che porteranno ingenti quantitativi di pioggia diffusa, anche sotto forma di temporali stazionari forti o molto forti, su un terreno già ora incapace di reggere nuova acqua.

Come spesso capita in queste situazioni, decisivo sarà lo scontro fra lo Scirocco e la Tramontana: se avrà la meglio il vento da sud est, i fenomeni tenderanno a sconfinare oltre la costa, facendo sentire gli effetti più pesanti sui crinali e nei retrostanti versanti padani; se invece prevarrà il nord, il rischio è che le precipitazioni più importanti restino confinate sul settore costiero di centro ponente.

La situazione di criticità al suolo è massima nelle province di Imperia, Savona e Genova.

Nelle ultime ore precipitazioni anche temporalesche fino a moderate hanno interessato, in particolare, il settore centrale della regione: dalla mezzanotte alle 13 si registrano cumulate di 61.4 millimetri nella stazione comunale di Genova Quarto, 57 a Genova Fiumara, 54.8 a Genova Pegli. La giornata di oggi, venerdì, vedrà fenomeni di tipo pre frontale che aumenteranno il già pesante stato di stress idrogeologico di un territorio sul quale si susseguono passaggi piovosi quasi interrotti da inizio ottobre.