Torino, il Ministro Azzolina sul Cyberbullismo: “anche io vittima di attacchi violenti, so benissimo di cosa parliamo”

Il Ministro Lucia Azzolina è intervenuta il 7 febbraio a Torino durante il convegno “Passa la palla” organizzato in occasione della giornata contro il bullismo.

«Anch’io sono stata vittima di attacchi violenti, di un linguaggio d’odio che mai avrei immaginato di dover subire. So benissimo di cosa parliamo» spiega il Ministro dell’istruzione Lucia Azzolina durante il convegno “Passa la palla” contro ogni forma di bullismo e cyberbullismo.

Il discorso del Ministro ha avvertito sui pericoli dei Social Network: «I ragazzi sono sempre più sui social e in quegli spazi, dove le identità si falsificano, il pericolo di aggressioni è sempre in agguato. Non si può parlare di bravate perché, a causa di quelle che vengono definite bravate, alcuni giovani si sono tolti la vita, altri non escono più di casa. E questo non deve più succedere, non si puo’ rimanere indifferenti».

Poi è arrivato l’attacco alla politica: «In politica ci sono tanti bulletti che usano i social come non dovrebbero e per qualche like in più sono disposti a buttare in pasto ai peggiori haters parole di odio». Il Ministro ha sottolineato come i giovani abbiano bisogno di esempi virtuosi, esempi che la politica “spesso non da”.

Durante il convegno è intervenuta anche la Sindaca Chiara Appendino sottolineando come: «cyberbullismo e bullismo sono fenomeni odiosi, che possono coinvolgere tutti a prescindere dall’età».
«La solitudine e l’indifferenza sono tra i peggiori mali del nostro tempo. In questo senso è importante il ruolo della scuola, che crea rete, senso di comunità, di appartenenza perché chi è in difficoltà possa non sentirsi solo e possa trovare la forza di reagire» ha concluso la prima cittadina.