Arrestato direttore dei lavori alla piscina comunale di Ivrea: ha preteso una mazzetta da 8 mila euro

La guardia di finanza di Fossano ha fermato un professionista torinese mentre riceveva otto mila euro da un’impresa di Savigliano. Le fiamme gialle non hanno dubbi, i soldi servivano per ottenere il rilascio delle autorizzazioni necessarie a ultimare i lavori alla piscina comunale di Ivrea, di cui l’ingegnere è il direttore dei lavori.

Le pressanti richieste di denaro all’imprenditore saviglianese lo hanno costretto alla denuncia. L’ingegnere torinese si rifiutava di firmare i SAL, Stato Avanzamento Lavori, che permettevano all’impresa di essere pagata. Inoltre se non veniva accertato che il lavoro è stato fatto, l’impresa avrebbe dovuto pagare delle penali nonché subire la possibile risoluzione del contratto.

Il pagamento dei 8 mila euro era stato deciso in due tranche. All’incontro in un luogo accordato, c’erano anche i finanzieri appostati, che hanno fermato il professionista sulla porta. Nel soprabito aveva una busta con 6 mila euro in contanti, gli stessi di cui i militari avevano annotato i numeri seriali.

L’accusa per l’ingegnere torinese è di tentata concussione. Gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.