Meteo, la settimana prossima arriva l’inverno: nevicate fino a bassa quota

Correnti orientali alimentano una circolazione depressionaria sul Tirreno, la cui influenza al Nord-Ovest tenderà a esaurirsi entro la serata di venerdì. Nel fine settimana il flusso freddo e umido da nord-est sarà sostituito da una fase con pressione livellata e correnti più asciutte, ma verso la sera di domenica un fronte di aria fredda e instabile dal Centro Europa tenderà a raggiungere l’arco alpino attivando qualche rovescio. L’avvezione fredda si accentuerà tra lunedì e martedì con la possibile formazione di un vortice depressionario retrogrado che attiverà condizioni perturbate di stampo invernale sul Nord Italia, con possibili nevicate fino a bassa quota.

Al momento sul bollettino privilegiamo lo scenario indicato dal modello di previsione europeo favorevole a nevicate fino a bassa quota grazie al posizionamento del minimo freddo in quota a ovest delle Alpi; tuttavia è abbastanza comune in tali scenari che la previsione del minimo depressionario freddo in quota tenda a spostarsi gradualmente più a ovest negli aggiornamenti successivi dei modelli, limitando l’influenza fredda al Nord-Ovest; in tal caso permarrebbero le precipitazioni ma con quota neve più elevata. Per tale ragione invitiamo a considerare la previsione di lunedì e martedì come un possibile scenario (abbastanza probabile, ma con un discreto margine di incertezza), che andremo a confermare o meno con un bollettino straordinario nella giornata di domenica.

Mercoledì 1 aprile ultimi effetti della circolazione fredda con ultime precipitazioni; nei giorni successivi schiarite con modesta variabilità diurna e qualche rovescio a ridosso dei rilievi per correnti fresche da nord-ovest in quota. Dal prossimo fine settimana e nella settimana successiva probabili condizioni più anticicloniche e stabili.
Temperature inferiori alla norma stagionale, in ripresa nella seconda parte della prossima settimana. Dal prossimo fine settimana temperature massime nuovamente oltre i 15 gradi.

(fonte: Società Meteorologica Italiana)



In questo articolo: