Il grattacielo San Paolo si veste con il tricolore: una simbolica vicinanza ai cittadini dopo la donazione da 100 milioni

Da questa sera, martedì 7 aprile e per 15 giorni una fascia di quattro piani del grattacielo Intesa Sanpaolo a Torino si illuminerà con i colori della bandiera italiana.

Una piccola iniziativa a impatto zero – ha detto il presidente della banca Gian Maria Gros-Pietro – che racchiude un messaggio di incoraggiamento e di vicinanza nei confronti di tutti. Con questo simbolico abbraccio luminoso, assieme alle numerose azioni concrete intraprese in questi giorni per aiutare nell’emergenza, auspichiamo il concretizzarsi di ulteriori contributi positivi, sostenendo come possibile il morale delle persone.

L’emergenza Covid-19 vede il Gruppo Intesa Sanpaolo tra i principali contributori nel contrasto alla pandemia e nel sostegno a persone, imprese e territori. La Banca ha donato 100 milioni di euro per cure ed ospedali attraverso un accordo con il Commissario straordinario e la Protezione civile e 1 milione per la ricerca scientifica sul Coronavirus attraverso il Fondo di Beneficenza. Inoltre, ha attivato una moratoria generale per il pagamento di mutui, prestiti e finanziamenti, stanziato rilevanti linee di credito e liquidità per le imprese, implementato coperture assicurative gratuite e soluzioni per favorire lo smart working.

LEGGI ANCHE Intesa Sanpaolo: già attivati interventi per 80 dei 100 milioni donati per far fronte all’epidemia da Coronavirus

Il grattacielo che “veste” il Tricolore sarà visibile nelle ore serali, dalle 20 alle 24 circa, e al mattino presto, dalle 5 alle 8. Saranno in particolare la facciata est, verso la città, e quella ovest, verso l’arco alpino, ad accendersi di verde, bianco e rosso, grazie all’impiego di alcuni proiettori led a basso impatto ambientale, posizionati nella fascia già destinata all’illuminazione di sicurezza. L’effetto sarà visibile nella parte alta dell’edificio, corrispondente ai piani dal 26 al 29.