Mamma e bimba di otto mesi cadute dal terzo piano di un edificio in fiamme: sono vive ma molto gravi

Non poteva immaginare che si trattasse solo di molto fumo e temendo di morire bruciate si è buttata con la figlia di otto mesi in braccio dal terzo piano dello stabile di via Rondissone 30 a Torino. Ora entrambe si trovano in ospedale in gravi condizioni. Sia la bimba, rianimata e sottoposta a un’intervento alla testa, sia la mamma con la riduzione di traumi agli arti, al bacino e al torace, sono vive, ma la situazione è ancora molto grave.

L’incendio divampato nella tromba dell’ascensore ha fatto molto fumo ma non ha danneggiato la struttura dell’edificio permettendo il rientro degli inquilini già da oggi. La donna in grave stato di agitazione era uscita in balcone e, prima del tragico epilogo, i vicini avevano cercato di tranquillizzarla cercando di evitare quello che poi è successo.



In questo articolo: