Tre cooperative ricevevano i fondi ma non ospitavano migranti, truffa da 300 mila euro nel cuneese

Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Cuneo ha portato a termine un’operazione che ha riguardato i servizi di accoglienza connessi all’emergenza migranti, in particolare controllando le erogazioni di fondi a favore di cooperative operanti in provincia di Cuneo e facendo venire alla luce anche condotte particolarmente odiose in capo ai responsabili, quali lo sfruttamento del lavoro.

L’azione investigativa, avviata a seguito di delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cuneo, è stata incentrata sul controllo delle presenze effettive degli immigrati richiedenti asilo presso le strutture di accoglienza predisposte da tre cooperative. In base alle vigenti norme, il pagamento del corrispettivo da parte della Prefettura deve avvenire sulla base delle presenze riepilogate in appositi prospetti mensili e sottoscritte dai legali rappresentanti delle citate cooperative. In caso di assenza dell’ospite dalla struttura nessun compenso è ovviamente dovuto.

Dato questo quadro regolamentare, i finanzieri hanno scoperto che le tre cooperative menzionate, al fine di ottenere il corrispettivo lordo giornaliero di € 35,00 per migrante, hanno falsamente attestato la presenza dei richiedenti asilo presso le loro strutture, quando invece gli stessi si trovavano altrove.

Risultato: ingente truffa ai danni dello Stato, quantificata in più di 300 mila euro, con accertamento di quasi 10.000 indebite assenze di migranti in violazione dell’art. 640, comma 2, n.1 del C.P. con la segnalazione all’Autorità Giudiziaria di n. 4 responsabili.

Dalle indagini è emerso anche che un centro di accoglienza gestito da una delle cooperative, in località Montezemolo, di fatto abbandonato, risultava fittiziamente operativo, allo scopo di percepire il corrispettivo giornaliero forfettario; i dieci migranti ospiti, nel frattempo, erano stati dislocati altrove a svolgere mansioni lavorative presso privati.

Addirittura, un numero significativo di migranti, ospiti delle tre strutture, veniva arbitrariamente trasferito in Liguria, allo scopo di svolgere attività lavorative in campo edilizio, nonché di cura e manutenzione del verde; i migranti percepivano compensi al di fuori di ogni norma di legge, in assenza di autorizzazioni e/o stipule di contratti lavorativi.

Per questa ultima circostanza, i responsabili sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria per la violazione di cui all’art. 603 bis, capo 1, lett. a) del c.p.) (Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro) in quanto, approfittando dello stato di bisogno e della condizione di immigrati richiedenti asilo affidati alle cooperative, hanno usufruito della loro manodopera in condizioni di sfruttamento.

Confermando le ipotesi investigative avanzate dallle Fiamme Gialle cuneesi, il G.I.P. presso il Tribunale di Cuneo ha disposto il sequestro per equivalente del profitto di reato quantificato complessivamente in 317 mila di euro.