A Torino apre MUSA, un nuovo spazio per l’arte contemporanea

Apre il 16 ottobre, in via della Consolata 11 a Torino, il nuovo spazio dedicato ad arte ed eventi che prende il nome di MUSA, un luogo magico e ricco di storia che si prepara per diventare un punto di riferimento per l’arte in città.

Da venerdì 16 a domenica 18 ottobre, sarà aperta al pubblico dalle 15 alle 18 con ingresso gratuito l’anteprima della mostra di arte contemporanea «ONE WORLD», che verrà presentata durante la fiera «The Others», curata da Giancarlo Pedrazzini della Galleria Fabbrica Eos di Milano e con la partecipazione della Fondazione Cecilia Gilardi.

Lo spazio per eventi e mostre, che si articola per 500mq su due piani (piano terra e interrato), si trova in pieno centro storico, proprio di fronte al Santuario della Consolata, al crocevia di quei percorsi sotterranei che univano tra di loro i palazzi nobiliari di un tempo. Il palazzo del 1600 racchiude negli interni tracce evidenti di un passato oggi tornato alla luce grazie al recupero architettonico curato interamente dal proprietario Pierluca Lobina, che ha avuto la capacità di far emergere la naturale bellezza di ciò che rappresenta l’immenso patrimonio storico, culturale ad artistico conservato nei palazzi torinesi.

Le opere esposte saranno le fotografie di Davide Bramante, definite “esposizioni multiple non digitali” ovvero immagini composte da scatti sovrapposti effettuati con la macchina analogica utilizzando lo stesso fotogramma, le sculture di Dario Goldaniga, assemblaggi di colature in bronzo, e le opere in carta di Lokta di Giacomo Mafrici, un giovane artista che, grazie al sostegno della Fondazione Cecilia Gilardi, ha potuto recarsi in Nepal e imparare tutti i segreti della produzione di questo particolare materiale.