Forniva false certificazioni CE per le mascherine, oscurati 4 siti internet che gestiva un uomo di Torino

Un uomo di Torino è stato denunciato dalla guardia di finanza per contraffazione di marchi, frode in commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, truffa e sostituzione di persona: prometteva la certificazione di conformità ‘CE’, necessaria alle aziende per commercializzare le mascherine classificabili come dispositivi di protezione individuale o dispositivi medici. Sono inolte stati oscurati quattro siti internet attraverso i quali l’uomo operava.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Francesca Traverso, della Procura di Torino, sono state condotte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Torino, unitamente a due Reparti Speciali della Guardia di Finanza con sede a Roma: il Nucleo Speciale Beni e Servizi e il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche.

L’uomo indagato si presentava con diversi nomi, promuoveva sul web le proprie capacità professionali e tecniche, inesistenti  secondo l’accusa, nel campo della certificazione di conformità delle mascherine, conquistando così la buona fede di diverse aziende nazionali che si sono affidate a lui.



In questo articolo: