Agente di polizia picchia pusher dopo l’arresto, sospeso per 6 mesi a Torino

Un agente di polizia di Torino è stato sospeso per sei mesi in seguito all’accusa di aver picchiato un pusher subito dopo l’arresto. L’episodio risale allo scorso 11 marzo, quando un uomo di 47 anni, senegalese, venne sorpreso mentre cedeva droga, venne bloccato da tre agenti e poi preso a pugni da uno di questi.

La scena è stata ripresa dalle telecamere di una banca e le immagini sono state fondamentali nella formalizzazion dell’accusa. A denunciare l’accaduto è stato un passante, che ha assistito alla scena ed ha denunciato ai carabinieri quanto visto. Oltre al poliziotto sospeso, sono indagati per omessa denuncia altri due agenti.

Il pusher difeso dagli avvocati Tommaso Bizzocchi e Enrico Moschini, non aveva reagit in alcun modo a quanto accaduto e ha riferito il pestaggio subito solo al pm Pelosi quando è stato convocato in Procura. L’agente sospeso avrebbe ammesso quanto accaduto affermando di essere in quel periodo sotto stress.



In questo articolo: