Gang e Paolo Bonfanti per la trentesima edizione di Mataria ‘d Langa

Anche la provincia granda può fare grande musica e intrattenimento Infatti, oltre al super evento del Festival Collisioni, da anni, a Roddino, piccolo, ma attivo comune nei dintorni di Monforte d’Alba, altro luogo famoso per il MonfortinJazz Festival, si svolge Mataria ‘d Langa. Anche quest’anno dal 23 al 25 di Luglio, si è svolta la trentesima edizione dell’ormai tradizionale appuntamento con musica, teatro arte e gastronomia “Mataria ‘d Langa”, organizzato dall’Associazione Turistica Pro Loco Roddino, molto attiva sul territorio, che si avvale di un grande numero di volontari ed appassionati.

Roddino è un piccolo paese sospeso fra la Langa “ricca” del Barolo e l’Alta Langa. Dei meno di 400 abitanti, oltre 50 collaborano attivamente all’organizzazione di questa piccola ma grande festa che ha l’obiettivo principale di tener unita e viva la comunità.

Le loro parole sono: “Ci teniamo a dire “quello che non siamo”: Mataria ‘d Langa è stato un festival che fra gli anni ’90 e 2000 ha avuto i suoi momenti di gloria e notorietà; adesso è “solo” una Festa! Dove non contano gli ingressi o le presenze (anche perché non si paga) ma i sorrisi e gli abbracci generati!”

Ma quest’anno c’è stata grande musica con Cristiano Godano, leader dei Marlene Kuntz, preceduto da Gigi Giancursi, pregiato autore e chitarrista prima coi Perturbazione, con al suo attivo numerose collaborazioni con musicisti locali e non.

Ma è stata Sabato la vera festa con Paolo Bonfanti Band & Fratelli Lambretta e poi la Gang, vera leggenda della musica resistente italiana.

Paolo Bonfanti, con il supporto della sua band del quartetto d’archi dei “Fratelli Lambretta”, ha portato sul palco il suo solito carico di rock, blues e simpatia, proponendo il suo ultimo lavoro, “Elastic Blues”, irresistibili riff al servizio della musica del “diavolo”.

Ma sono i Gang, capitanati dagli ormai leggendari Fratelli Marino e Sandro Severini, da anni presenza irrinunciabile del festival di Roddino. Freschi del nuovo lavoro, “Ritorno al fuoco”, prodotto grazie al crowdfunding e quindi finanziato dai fans. A prendere la scena, Marino, istrione, grande voce e chitarra di una delle band più iconiche del rock impegnato e resistente d’italia. Reduci da grandi successi, hanno da tempo scelto di perseguire la via della loro musica, fatta di arte, ma anche di grande impegno sociale. A Roddino i Gang, passano sempre per i loro cavalli da battaglia “Bandito senza tempo”, “Kowalsky”, “La corte dei miracoli”, “La pianura dei sette fratelli” e la “Lotta continua”, quasi a rivendicare, proprio in quel di Roddino, una militanza inossidabile. Sul palco con loro, sul finire Paolo Bonfanti, la sua Band e i Fratelli Lambretta, in un momento conviviale da superband sulle note di uno scatenato rock’n’roll. Una serata, ed un weekend, che va oltre la musica, che ci ricorda l’importanza delle comunità e dello stare insieme, ancora più in questa difficilissima epoca pandemica.
Si finisce sempre nello stesso modo e questo vale per tutti, urlando a squarciagola con Marino, Paolo e compagni che “anche a Roddino la lotta continua”.

Foto e report Paolo Pavan



In questo articolo: