Forza Nuova, chiusa l’indagine per apologia di fascismo di tre militanti

Tre militanti di Forza Nuova tra cui il coordinatore regionale Luigi Cortese sono stati indagati per apologia di fascismo per uno striscione affisso il 22 maggio 2019 in corso Unità d’Italia durante le elezioni europee. La scritta recitava ““Spezza le catene dell’usura, vota fascista. Vota Forza Nuova”. L’indagine del pm Enzo Bucarelli ha portato alla perquisizione da parte della Digos della sede locale del partito e a casa degli indagati. Cortese avrebbe negato di aver autorizzato l’iniziativa e di esserne l’autore. La Procura ha concluso l’indagine e ha chiesto il rinvio a giudizio dei tre indagati.