In Piemonte corsi di formazione obbligatori per chi percepisce il reddito di cittadinanza, chi non li segue perderà il sussidio

Nella giornata di oggi, giovedì 4 novembre, l’assessora al Lavoro Elena Chiorino e il governatore Alberto Cirio hanno presentato le nuove regole in Piemonte per chi percepisce il reddito di cittadinanza.
In Piemonte chi percepisce il sussidio dovrà seguire dei corsi di formazione obbligatori con dei pacchetti da 16 a 200 ore che tengano insieme sia la formazione specialistica che le soft skills, oltre all’informatica.
Il Piemonte è la prima regione italiana ad adottare questo nuovo regolamento.

Chi si dovesse rifiutare di seguire questi corsi o chi dovesse aderire ma poi non presentarsi perderà il sussidio e potrebbe incorrerà in sanzioni.
Su 83mila persone che percepiscono il RDC nella regione, sono stati stimati circa 20-25 mila persone che rientrerebbero in questo nuovo regolamento. Questi, che hanno sottoscritto il patto per il lavoro, saranno contattati dai centri per l’impiego e gli verranno proposti diversi progetti di formazione professionale. I restanti ne sarebbero esclusi perché seguiti dai Servizi sociali, quindi seguono altri percorsi, o non sono in condizione fisica per lavorare.



In questo articolo: