I Savoia citano in giudizio lo Stato italiano per riavere i gioielli della Corona

Vittorio Emanuele, Maria Gabriella, Maria Pia e Maria Beatrice di avoia, Seredi di Umberto II (ultimo re d’Italia), citeranno in giudizio la presidenza del Consiglio, il ministero dell’Economia e la Banca d’Italia per la restituzione dei gioielli della Corona, custoditi in un caveau della stessa Banca d’Italia dal giugno 1946.

Lo ha annunciato all’AGI l’avvocato Sergio Orlandi, che ha tentato una mediazione, fallita, con la Banca d’Italia, la quale si è detta impossibilitata a disporne senza un coordinamento con le Istituzioni della Repubblica coinvolte.

Da qui la decisione di citare le maggiori istituzioni nazionali. Non è conosciuto il vaolore dei gioielli della Corona, comprendono 6.732 brillanti e 2 mila perle montati su collier, orecchini, diademi e spille.