Tra un mese l’Italia avrà esaurito le scorte di olio di girasole, il ministero autorizza le etichette generiche

Il ministero dello Sviluppo economico, in una circolare pubblicata sabato 12 marzo, ha autorizzato le società produttrici di biscotti, maionese, creme spalmabili, sughi e altri alimenti lavorati a modificare le etichette dei prodotti, nelle quali sarà consentito indicare la generica denominazione di “oli e grassi vegetali” seguita “dalle origini vegetali potenzialmente presenti” in base alle forniture disponibili. Non sarà quindi più obbligatorio indicare se il prodotto contiene olio di girasole, di palma, mais o soia.

La decisione è stata presa in considerazione della difficltà di approviggionamento di olio di girasole a causa della guerra in Ucraina. Il paese detiene infatti il 60% della produzione e il 75% dell’export e rappresenta il principale coltivatore di girasoli al mondo. Secondo il ministero le forniture di olio di girasole in Italia potrebbero esaurirsi entro un mese.

Foto Mirella Bruni – Campo di girasoli – Ulignano – San Gimignano (SI) – Toscana – Italia



In questo articolo: