I prezzi a Torino in un anno cresciuti del 7,2%: energia +39%, trasporti +11%, alimentari +8,5%

Nel mese di Luglio 2022 a seguito della rilevazione dei prezzi effettuata dal Servizio Statistica della Città di Torino, l’indice complessivo dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) è risultato pari al 111,4 (Base Anno 2015=100) segnando una variazione del +0,5% rispetto al mese precedente e del +7,2% rispetto al mese di Luglio 2021 (tasso tendenziale). A livello nazionale i dati sono +0,4% e +7,9%.

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto a Torino segnalano +0,2% sul mese precedente e +8,3% su luglio 2021. A livello nazionale siamo a +9,1%, aumento record dal settembre 1984. I prezzi dei prodotti a media frequenza d’acquisto a Torino rilevano +1,1% rispetto al mese di giugno 2022 e +8,4% sull’anno precedente. I prezzi dei prodotti a bassa frequenza d’acquisto segnalano +0,1% sul mese precedente e +2,8% rispetto a luglio 2021.

Nella tipologia di prodotto dei BENI si rileva +0,1% su base congiunturale e +9,8% su base tendenziale.

I prodotti in rilevazione hanno subito queste variazioni:

Beni Alimentari -0,2% sul mese precedente e +8,5% sull’anno precedente,

Beni Energetici +0,5% sul mese precedente e +39,0% sull’anno precedente,

Tabacchi invariato sul mese precedente e +0,2% sull’anno precedente,

Altri Beni +0,1% sul mese precedente e +3,0% sull’ anno precedente.

Nella tipologia di prodotto dei servizi si registra +1,1% su base congiunturale e +3,3% su base tendenziale. Sono state riscontrate le seguenti variazioni:

Servizi relativi all’Abitazione +0,4% sul mese precedente e +1,3% sull’anno precedente,

Servizi relativi alle Comunicazioni -0,1% sul mese precedente e +0,2% sull’anno precedente,

Servizi Ricreativi, Culturali e per la Cura della persona +1,0% sul mese precedente e +3,8% sull’anno precedente,

Servizi relativi ai Trasporti +3,9% sul mese precedente e +11,0% sull’anno precedente,

Servizi vari +0,3% sul mese precedente e +0,9% sull’anno precedente.

L’inflazione di fondo al netto degli energetici e degli alimentari freschi segnala +0,8% rispetto al mese precedente e +4,0% rispetto all’anno precedente.



In questo articolo: