Una grande festa di fine estate a Le Serre di Grugliasco

Una grande festa di saluto all’estate. Al Parco Culturale Le Serre di Grugliasco, via Lanza 31, sabato 17 e domenica 18 settembre va in scena la quinta edizione del Goodbye Summer Fest.

Uno dei parchi più belli della provincia diventa casa, per due giorni, e dopo due anni di arresto forzato causa pandemia, di una serie di appuntamenti, dai laboratori per famiglie alla presentazione dei libri, dalle mostre alle visite guidate: un fine settimana organizzato dalla Società Le Serre e Città di Grugliasco, in collaborazione con l’agenzia Rêve di Torino e con il contributo di Cidiu spa.
La caratteristica è che qualsiasi attività è gratuita.

La festa, occasione per vivere ancora un fine settimana all’aria aperta, prende il via alle 15 di sabato: ad accogliere il pubblico ci saranno i figuranti del Palio della Gru di Grugliasco.

Sia sabato, sia domenica, dalle 15 imperdibile è l’installazione Parade78, che arriva a Grugliasco dopo essere stata già proposta in molti festival internazionali: 78, oltre ad essere l’anno di costruzione di questa particolarissima roulotte, è l’ultimo anno della Disco Music, omaggiata dalla testa dell’irraggiungibile Spikey. Intorno al curioso mezzo, verrà allestito un villaggio artistico in cui accadrà di tutto: performance, spettacoli, giochi, visual art, dj set, live.

Sabato previsti, sin dalle 15, laboratori per bambini. L’Associazione Specialmente Tu propone il laboratorio di palloncini antistress, un secondo per costruirsi un portapenne con bottiglie di plastica e un terzo dedicato agli origami. Alveare Grugliasco propone, invece, “Colora l’alveare” e “Indovina il cibo e la stagione”, il quiz per tutti “Alvearquiz” a tema cibo e letture ad alta voce per bimbi su alimentazione e ambiente alle 16,30 e 17,30. Il Politecnico sarà, invece, presente con il Progetto Eccellenza_TEC Politecnico di Torino, dedicato a prototipi in scala reale realizzati con materiali naturali e l’applicazione di tecniche costruttive avanzate.

Sabato ci sarà l’opportunità di visitare il Ri.Mu, ospitato a Villa Boriglione, dentro il parco Le Serre: si potrà, così, scoprire il rifugio antiaereo sotterraneo della seconda guerra mondiale, che poteva ospitare 75 persone, oltre al Museo della Grugliaschesità. A condurre i tour l’Associazione Cojtà Gruliascheisa.

Alle 16,30 lo spettacolo di burattini “Avventure nel giardino delle farfalle”, curato dai ragazzi dei Centri Diurni Capolavoro e Barattolo Cooperativa Paradigma Onlus.

Non manca un’area ristoro, attiva con food truck in entrambe le giornate. Sabato, ad accompagnare la cena, la stand up comedy e la comicità con l’attrice Giulia Pont che mette in scena “Monologhi all you can eat”.

A seguire, concerto live dei Mons, gruppo rivelazione del talent di Rai Uno condotto da Carlo Conti “The Band 2022″. Il gruppo musicale indie è composto da cinque membri – il tastierista Andrea Colombo, 21 anni; il batterista Alessandro Alloj, 20 anni; il chitarrista Marco Garbarino, 22 anni; il chitarrista Alessandro Crupi; e il cantante Marco Capatanio, 23 anni – ed è nato proprio tra Rivoli, Collegno e Grugliasco: quella di sabato è, dunque, l’occasione per abbracciare il pubblico di casa dopo un’estate di ribalta nazionale.

Si chiude ballando fino a tardi con il dj set a cura di Parade 78 con Francesco Sgrò.

Domenica si riprende alle 15. Torna l’installazione Parade78, mentre la Libreria Pandizenzero di Collegno, con “Storie di fine estate”, propone letture animate e musicali per bambini e famiglie.

Alle 15,30 la presentazione del libro “Rabbia e Stile, Storie di Mods e degli Statuto” con l’autore Oskar Giammarinaro. Il cantante e leader degli Statuto, tra risse allo stadio, concerti e scontri con punk e skin, propone un memoir di formazione che racconta un’intera epoca. Ripercorre le radici in Italia, e in particolare a Torino, della scena culturale mod a partire dagli anni Sessanta e dallo sviluppo del Beat italiano.

Alle 16,30 e 18 le esibizioni di danza della Centro Studio Danza Denise Zucca in collaborazione con Compagnia Mixit. Per i bambini alle 17 “I tre porcellini nel bosco” a cura di Compagnia La Vecchia Soffitta, spettacolo di burattini, mentre quasi in parallelo, dalle 17,30, per gli adulti c’è la presentazione – con concerto – del libro “Porto Palazzo” di Amarilli Varesio, Casa Editrice Sui Generis: il volume narra Porta Palazzo che ha tante anime, tra cui quella di essere un «porto». L’autrice, artista di strada, nella vita cantautrice, musicista e scrittrice, racconta questo luogo simbolo della città attraverso una serie di personaggi e le loro storie.

Alle 18,15, quindi, stand up comedy con “Confessioni Psicolavabili” di Dario Benedetto, un punto di vista ironico che tocca temi come la fiducia, la procrastinazione, le nuove forme di dipendenza, il feticismo e l’amore.

Domenica aprirà alle visite il Museo Gianduja, nella settecentesca Villa Boriglione, con visite guidate a cura dell’Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare. Il Museo è nato per riconsiderare la maschera piemontese, la cui storia coincide in gran parte con quella del nostro Risorgimento. L’allestimento, dal forte impatto visivo, è firmato da Claudio Cinelli, tra i grandi maestri del teatro di figura internazionale, e si avvale delle più moderne tecnologie per illustrare le eccellenze “giandujesche” presenti nel Museo e sparse sul territorio regionale.

Visitabile, sempre a Villa Boriglione, la mostra di quadri “Frammenti d’estate” a cura di Associazione Sezione Aurea, sia sabato sia domenica.

Ingresso libero a tutti gli appuntamenti. Info: 011/ 785573.
In caso di maltempo la festa si terrà lo stesso, nelle strutture coperte del parco.



In questo articolo: