Morto lo scrittore e poeta messicano Cristobal Jodorowsky: il 22 settembre era atteso a Torino

E’ morto quest’oggi, giovedì 15 settembre 2022,  all’età di 57 anni Cristobal Jodorowsky scrittore, attore, pittore e drammaturgo messicano naturalizzato francese. Lo si apprende dal canale ufficiale dell’artista,  figlio del regista Alejandro Jodorowsky.

Nato con il nome di ‘Axel Jodorowsky, nato a Città del Messico nel 1965, Jodorowsky avrebbe dovuto essere giovedì 22 settembre a Torino.

Da Wikipedia:

Nato con il nome di ‘Axel Jodorowsky, successivamente ha acquisito il nome di Cristóbal con cui è conosciuto. Figlio di Alejandro Jodorowsky e Valerie Trumblay, Cristóbal Jodorowsky è nato a Città del Messico nel 1965. Il padre Alejandro si era trasferito a Parigi già nel 1953 dove aveva fondato con Fernando Arrabal e Roland Topor il movimento teatrale Panico.

Coinvolto fin da bambino dal padre in numerosi progetti teatrali e cinematografici (ha interpretato fra gli altri il giovane Phoenix, protagonista del film Santa Sangre del 1985) Cristóbal Jodorowsky si è poi formato alla scuola del mimo Marcel Marceau. Ha poi approfondito negli anni il metodo Stanislavskij, i laboratori di Grotowski per approdare al Teatro Laboratorio. La sua formazione teatrale è proseguita con John Strasberg Studio a Parigi. Primo attore del Teatro del Silenzio, a Aurillac, Francia, ha seguito un percorso di danza contemporanea nella compagnia francese Le timbre.

L’infanzia in casa Jodorowsky a Città del Messico lo ha messo a contatto ancora bambino con guaritori e sciamani messicani. Cresciuto alla scuola “psicomagica” del padre ha poi approfondito tecniche spirituali fra Messico, Cile, Perù, Colombia, Venezuela e poi Indonesia, Filippine e India per dare vita a un suo particolare psicosciamanesimo rituale che unisce la conoscenza ancestrale al pensiero contemporaneo. A Parigi ha poi ulteriormente perfezionato le proprie proposte attraverso lo studio di psicoterapia e pratiche energetiche coinvolgendo lo strumento teatrale per dare vita a psicorituali collettivi.

Nel 2007 ha pubblicato in Spagna il libro Il collare della Tigre edito in Italia da Ponte alle Grazie – TEA e stampato in una decina di paesi. Nel 2012 ha dato vita a Metamundo, un corso di due anni per “vivere una vita piena, da individui creativi e realizzati, integrando strumenti come la psicomagia, la metagenealogia, i tarocchi evolutivi” e che conduce fra Messico, Colombia, Italia e Spagna. La sua attività artistica comprende anche un’intensa e apprezzata opera pittorica. Dopo oltre vent’anni a Parigi è tornato a Città del Messico ma porta i suoi “spettacoli terapeutici” in ogni parte del mondo.