Torino: tre arresti per spaccio di stupefacenti ed estorsione

Tre persone sono state arrestate dai carabinieri della Compagnia di Torino Mirafiori perché ritenute a vario titolo responsabili di spaccio di stupefacenti e di estorsione.

L’indagine, che ha portato agli arresti, è partita il 15 gennaio scorso dopo che era stato esploso un colpo di arma da fuoco contro una vettura nel quartiere San Paolo.

Per questo episodio, che per gli investigatori però non è connesso con i reati contestati ai tre, sono stati denunciati a piede libero altre quattro persone ritenute responsabili di detenzione e porto abusivo di armi, minaccia e danneggiamento aggravato.
L’indagine è dunque proseguita e grazie ad alcuni elementi acquisiti sulla vicenda, è emersa l’esistenza di una attività di spaccio al dettaglio nella prima cintura sud ovest torinese oltre ad un episodio estorsivo in danno di un uomo che si è visto costretto, dietro minaccia, a prelevare 400 euro dal bancomat per saldare un debito contratto per acquistare della droga.

I carabinieri durante l’esecuzione delle misure cautelari hanno inoltre eseguito una serie di perquisizioni che hanno portato alla denuncia di altre tre persone per possesso di stupefacenti, furto di energia elettrica e al sequestro di un manganello telescopico e una pistola a salve con relativo munizionamento.