A Torino 160 delegati LGBTQIA+ per la conferenza annuale dell’European Pride Organizers Association

Si svolgerà a Torino, dal 6 al 9 ottobre, l’EPOA AGM: la conferenza annuale dell’European Pride Organizers Association che porterà in città 160 delegati LGBT+ da tutt’Europa. Torino – in competizione con Lisbona – era stata ufficialmente scelta nel 2020 e la candidatura e l’organizzazione dell’appuntamento sono state gestite dal Coordinamento Torino Pride, in accordo con le istituzioni locali e con i coordinamenti Pride di Roma, Milano, Perugia, Varese, Padova, Cagliari e Pavia. Torino è stata scelta con il 64% dei voti e, dal 1991 ad oggi, la conferenza si è svolta nelle più importanti città e capitali europee ma mai in Italia.

EPOA è il network europeo che coinvolge le principali realtà europee nel campo dell’organizzazione dei Pride. EPOA è stata fondata nel 1991 a Londra su iniziativa degli organizzatori dei Pride di Amsterdam, Berlino e Londra e, da quell’anno, è cresciuta costantemente fino a raccogliere le adesioni di oltre 90 organizzazioni attive in più di 30 paesi UE.

L’assemblea, che si svolgerà al Lingotto e che coinvolgerà gli hotel Hilton Double Tree, Nh e Ac e Eataly, si configura come un momento fondamentale di condivisione di esperienze e competenze tra le organizzazioni europee, nonché un’occasione di formazione che prevede seminari e incontri finalizzati alla promozione delle buone pratiche di inclusione e non discriminazione per le persone LGBT+, sia come momenti di celebrazione che come manifestazioni vitali per il riconoscimento dei diritti umani.

I delegati – stakeholder importanti nelle loro città e Paesi di provenienza con incarichi di rilevo internazionale – dovranno scegliere il luogo di svolgimento dell’Europride del 2025.

Come sottolinea Alessandro Battaglia, responsabile organizzativo dell’evento, “l’AGM è anche un momento di promozione turistico/territoriale internazionale del luogo che la ospita e, per Torino, sarà uno straordinario momento di visibilità internazionale. I nostri 170 ospiti potranno godere delle bellezze e delle bontà che la nostra città può offrire”.

Nei 4 giorni di permanenza, infatti i delegati, fra le varie attività, visiteranno il Museo Egizio, il Museo Nazionale del Cinema, Il Museo del Risorgimento e la Pusta 500: la pista utilizzata dalla FIAT per il collaudo delle automobili e ora percorso espositivo contemporaneo della Pinacoteca Agnelli.

“Sicuramente l’AGM sarà l’occasione per fare innamorare le persone partecipanti della nostra città” conclude Alessandro Battaglia anche in relazione al proposito del Coordinamento Torino Pride, attualmente allo studio, di candidare Torino a ospitare l’Eupride nel 2026 o nel 2027.

Per la prima volta, in seno all’AGM, si svolgerà anche una Conferenza del Mediterraneo aperta ai delegati e con la partecipazione di alcune attiviste e alcuni attivisti di diversi Paesi dell’area del Mediterraneo. L’appuntamento consentirà di capire come essere di aiuto alle Comunità LGBT+ di quelle nazioni che spezzo vive condizioni di pericolo, emarginazione e discriminazione.

L’EPOA AGM si svolge con il sostegno di VisitPiemonte – DMO, società in house della Regione Piemonte e di Unioncamere Piemonte; di Turismo Torino e Provincia, Convention & Visitors Bureau della Città di Torino; di Fondazione Compagnia di San Paolo e della Camera di Commercio di Torino. E con il contributo di IREN; Compagnia dei Caraibi; REAR; Eataly; CrewPlan e Pride Life.



In questo articolo: