I grandi prodotti Dop e Igp del Piemonte sono ideali per la sana dieta degli sportivi

Con ancora negli occhi le emozioni della seconda edizione delle Nitto ATP Finals di tennis e sulla scia di questo prestigioso evento sportivo, il Consorzio di Tutela e Promozione del Crudo di Cuneo Dop, il Consorzio di Tutela del Salame Piemonte Igp, l’Organizzazione di produttori Joinfruit e il Consorzio di Tutela del formaggio Bra Dop hanno organizzato venerdì 25 novembre presso il Salone incontri del Circolo della Stampa – Sporting di Torino, il workshop dal titolo “I prodotti Dop e Igp del Piemonte nella dieta degli sportivi”.

Durante l’incontro, moderato dal giornalista Alberto Dolfin, collaboratore per GEDI della rivista “Il Gusto”, si è discusso dell’importanza della sana alimentazione nella dieta dello sportivo e di come alcuni cibi come il prosciutto, i salumi e i formaggi, da sempre ritenuti poco idonei, assunti nelle giuste quantità e integrati con altri, possano invece contribuire alle alte performances degli atleti. In sala, oltre a imprenditori e critici, era presente tra gli altri l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi.

Non è voluto mancare anche il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, che ha degustato i prodotti Dop e Igp. Al workshop ha fatto seguito, sabato 26 novembre, il 1° Torneo di tennis “Trofeo dei prodotti Dop e Igp del Piemonte” per ragazzi e ragazze di 8-14 anni in coppia con i loro genitori, che si è svolto sui campi dove si sono allenati i tennisti partecipanti alle Nitto ATP Finals.

Al torneo, organizzato dal Circolo di tennis, hanno preso parte circa 150 giovani. La due giorni si è chiusa con un pomeriggio dedicato a ragazzi, genitori, soci e maestri della scuola tennis con degustazione dei prodotti Dop e Igp dei Consorzi e con la premiazione del torneo che ha visto assegnare la Coppa “dei prodotti Dop e Igp del Piemonte”.

“L’obiettivo di questo insieme di eventi organizzati presso il Circolo della Stampa – Sporting di Torino è stato quello di sfruttare l’entusiasmo scaturito dalle Nitto ATP Finals, per lanciare un messaggio volto a migliorare la nostra alimentazione – afferma Chiara Astesana, presidente del Consorzio di Tutela e Promozione del Crudo di Cuneo Dop -Torino è ancora fortemente coinvolta dalle finali del torneo ATP che ha visto gareggiare i migliori otto tennisti al mondo. Vorremmo, sulle ali dell’entusiasmo di questi giorni, creare un collegamento tra le eccellenze del tennis mondiale e le eccellenze dei prodotti Dop e Igp del Piemonte. Lo sport richiede una equilibrata e buona alimentazione e la qualità dei prodotti è un presupposto irrinunciabile”.

“Essere riusciti ad accostare in un unico evento i consorzi di valorizzazione e tutela delle migliori eccellenze enogastronomiche del nostro territorio e il mondo dello sport, e per di più all’interno della cornice di una location che negli ultimi giorni è stata sotto i riflettori del mondo per le Atp Finals – commenta Daniele Veglio, presidente del Consorzio di Tutela del Salame Piemonte – è stato sicuramente un ottimo modo per promuovere le tipicità piemontesi. L’idea di organizzare un torneo di tennis ‘genitori e figli’ ci ha infatti permesso di unire sport e buon cibo, con l’augurio di poter trasmettere queste passioni di generazione in generazione”.

“Siamo molto orgogliosi di aver dimostrato come il sapore, l’aroma e la versatilità di Bra, Raschera e Toma Piemontese riguardino sia il loro impiego all’interno di ricette sia le occasioni in cui possono essere degustati in purezza – aggiunge Franco Biraghi, presidente dei Consorzi di Tutela dei formaggi Bra Dop, Raschera Dop e Toma Piemontese Dop -. In momenti dove si usa dire ‘vinca il migliore’, i nostri formaggi erano presenti e hanno portato a casa premi e riconoscimenti molto importanti. In questi due giorni abbiamo avviato un progetto di grande valore, dando la possibilità non solo di esperire la bontà di simili eccellenze ma anche di contestualizzare le loro proprietà nutrizionali all’interno di un contesto che per gli sportivi rappresenta un tassello fondamentale. Siamo molto fieri del risultato, certi che, anche in questa occasione, Bra, Raschera e Toma Piemontese sarebbero stati all’altezza delle aspettative”.

“La nostra organizzazione di produttori – dichiara Bruno Sacchi, direttore di Joinfruit – nasce in questo territorio, a cui siamo grati e che cerchiamo di curare attraverso il nostro lavoro nei campi e realizzando progetti che contribuiscono al benessere della comunità. La protagonista di queste giornate è stata la Mela Rossa Cuneo Igp con il suo nuovo succo, parte della nostra linea di succhi di frutta Joinfruit Fresh, lavorati con spremitura a freddo al 100%, un metodo innovativo che ci permette di salvaguardare tutte le proprietà organolettiche e nutrizionali della frutta: siamo lieti di aver partecipato a questo evento e di aver offerto più gusto e salute ai giovani tennisti di questo torneo così come a tutti i nostri consumatori”.

“Affrontare allenamenti e impegni agonistici richiede la giusta energia e una nutrizione varia e bilanciata, che non esclude alcun cibo, è sempre da preferire a diete squilibrate o fai da te – ha evidenziato la biologa nutrizionista Mara Antonaccio -. Sono molti i pregiudizi in campo alimentare, infatti spesso si commette l’errore, dal punto di vista nutrizionale, di considerare alcuni nutrienti come i grassi degli alimenti dannosi; questo non è vero se il loro apporto nella dieta è equilibrato e nelle giuste quantità”.

Nel corso dell’incontro è stato evidenziato come nel prosciutto Crudo di Cuneo, tra i nutrienti importanti vi siano minerali come il ferro, un alto contenuto di vitamine del gruppo B, aminoacidi essenziali derivanti dalle proteine della carne e una quantità minore di sale rispetto ai prosciutti del passato. “La giusta quantità da consumare per non eccedere nelle calorie (270 kcal. se mangiato come si presenta, 170 kcal. se sgrassato per 100 grammi) è di 60/80 grammi per porzione – dice Antonaccio -. Queste sue caratteristiche lo rendono perfetto, come i salumi di buona qualità e i formaggi, idoneo alla nutrizione degli sportivi”. Venendo ai salumi, se prodotti con una bassa percentuale di grassi e con poco sale, come accade a quelli del Consorzio Salame Piemonte Igp, mangiarne una porzione da 50 grammi come spuntino prima degli allenamenti, accompagnati da 100 grammi di pane integrale consente di avere il giusto apporto in grassi, proteine e zuccheri. Fondamentale per la buona salute delle ossa e per la contrattilità muscolare degli sportivi è il calcio: “Per questo è consigliabile consumare una dose di 100 grammi di formaggio come quelli del Consorzio del Bra Dop, che ne propone di molto validi nutrizionalmente, anche quattro volte a settimana. Se a queste eccellenze gastronomiche piemontesi si accompagna una buona mela, fresca per il prosciutto e i salumi, in composta per il formaggio, aggiungeremo anche i sali minerali e le vitamine per una dieta davvero equilibrata. La mela può essere consumata disidratata come snack, circa 20 grammi o in succo; in questo l’O.P. Joinfruit ottiene dalla Mela Rossa Cuneo IGP un validissimo succo con spremitura speciale, che mantiene inalterate le sue capacità nutrizionali”.



In questo articolo: