Il volto di Anna Frank e una mostra sulla Shoah alla scuola primaria di Giaveno

Il volto di Anna Frank sarà proiettato sulla facciata della scuola primaria di Giaveno, dedicata proprio alla ragazza ebrea deportata dai nazisti. Nell’ambito delle iniziative per il Giorno della Memoria, all’interno della scuola sarà anche allestita una mostra, visitabile fino al 27 gennaio dalle 17 alle 19, dal titolo “Una farfalla gialla per non dimenticare”; le opere in mostra sono realizzate dagli alunni e dalle alunne dell’Istituto e raccontano la Shoah con un linguaggio semplice ma non per questo superficiale.

“L’illuminazione della facciata – spiega Anna Cataldo, assessora alle Politiche scolastiche – è un’iniziativa simbolica proposta dalla scuola e benevolmente accolta da questa Amministrazione per tenere alta l’attenzione sulla Shoah e per non dimenticare le sofferenze e gli orrori che ha causato. Un modo per sensibilizzare gli alunni, i cittadini e per fare in modo che la memoria rimanga viva.”

La Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Coazze, Enrica Bosio, ha messo l’accento sull’utilità della mostra per la collettività: “Ciò che proponiamo può avere una ricaduta su tutte le altre persone che non frequentano più la scuola, ci fa sentire parte più viva della comunità giavenese. Il periodo è quello giusto per il ricordo ed è importante che i bambini che frequentano un istituto sappiano a chi è intitolato: si va incontro a curiosità e necessità di conoscenza che hanno alunni e famiglie, anche utilizzando nuove tecnologie.” Sulle opere della mostra, ha precisato: “Sono contenuti delicati e forti spiegati a livello dei bambini anche più piccoli; tutti sono stati coinvolti e sono orgogliosi di aver fatto questo lavoro, di essere diventati cittadini attivi. Non subire ma capire le scelte ci aiuta a prendere decisioni che ci rendono persone più libere e autentiche”.



In questo articolo: