Seguici su

Cultura

Grazie all’intelligenza artificiale si può dialogare con Luigi Einaudi

Uno degli aspetti più sfidanti del progetto è stato garantire la coerenza con il pensiero originale di Luigi Einaudi

Avatar

Pubblicato

il

TORINO – Fondazione Luigi Einaudi onlus di Torino, Fondazione Compagnia di San Paolo e Reply presentano “Pensiero Liberale, Dialogo Attuale”, un progetto basato sull’intelligenza artificiale per rendere accessibile a tutti il pensiero economico di Lugi Einaudi, una delle personalità più rilevanti del XX secolo, attraverso una conversazione con lui.

Grazie al potenziale dell’intelligenza artificiale generativa e alle tecnologie più avanzate in ambito 3D iperrealistico, è stato realizzato un Digital Human che, non solo, ha la fisionomia del personaggio storico ma, soprattutto, è in grado di rispondere alle domande dell’interlocutore in maniera coerente con il suo pensiero, superando ogni barriera geografica, fisica e generazionale.

La rappresentazione digitale di Luigi Einaudi è fruibile dal sito della Fondazione Einaudi, attraverso qualsiasi device. Utilizzando la tastiera oppure la voce, chiunque sia interessato – studenti, specialisti o semplici curiosi – può iniziare una conversazione su alcuni dei temi più rilevanti del pensiero economico dell’ex Presidente della Repubblica Italiana: monopolio, concorrenza, politica monetaria e fiscale, mercato, banche, inflazione, oltre che della sua biografia.

Il progetto con l’intelligenza artificiale

Insieme alla Fondazione Einaudi, Reply ha lavorato non solo alla definizione del modello di intelligenza artificiale, ma anche alla creazione del digital human e al design dell’esperienza: più in particolare, Machine Learning Reply ha specializzato il modello generativo conversazionale sul pensiero di Luigi Einaudi, applicando il framework proprietario per l’addestramento degli algoritmi e la validazione dei risultati basata su MLFRAME Reply; Infinity Reply ha dato vita al digital human replicando elementi chiave dell’aspetto e i gesti iconici del personaggio storico, grazie alle tecnologie 3D real time; Bitmama Reply ha studiato la user experience, realizzata sul sito di Fondazione Einaudi da TamTamy Reply, e ideato la campagna di comunicazione che sarà online e sulla stampa nei prossimi mesi.

Uno degli aspetti più sfidanti del progetto è stato garantire la coerenza con il pensiero originale di Luigi Einaudi, e la soluzione è stata lo sviluppo di un modello di intelligenza artificiale (IA) generativa addestrato specificamente sul suo pensiero. La Fondazione Einaudi, con il supporto di Paolo Soddu, docente di Storia contemporanea e segretario dell’Edizione nazionale degli scritti di Luigi Einaudi, ha condotto una ricerca sugli argomenti maggiormente rappresentativi di Einaudi economista e selezionato i testi da utilizzare nel modello di IA generativa: un corpus composto ad oggi da 250.000 parole estratte da volumi e raccolte originali disponibili in versione digitale.

L’attento lavoro di costruzione della base di conoscenza, addestramento del modello di IA generativa e validazione qualitativa delle risposte, svolto secondo la metodologia Reply, permette oggi di avere una conversazione verosimile tra interlocutore e rappresentazione digitale di Luigi Einaudi: il digital human non solo risponde a domande specifiche su argomenti presenti nella produzione orale e scritta, ma offre la possibilità di generare feedback sulle risposte fornite, rendendo bidirezionale l’interazione.

“Pensiero Liberale, Dialogo Attuale” è parte di un programma più ampio della Fondazione Einaudi, iniziato nel 2021 con la digitalizzazione del suo archivio storico e finalizzato a valorizzare il prezioso patrimonio storico-culturale contenuto nella biblioteca, rendendo la conoscenza sempre più accessibile anche alle generazioni future. L’ente è consapevole che un patrimonio dai confini aperti e l’ampliamento delle forme di fruizione, accompagnati dalla moltiplicazione dell’utilizzo delle risorse legate al patrimonio stesso, non potranno che favorire un accesso quanto più ampio possibile.

“Quello che mi colpisce dell’Intelligenza Artificiale (AI) è la rapidità della sua diffusione e la profondità del dibattito recente. In primavera e persino nei mesi estivi di quest’anno l’AI era un argomento per pochi. Oggi è sulla bocca di tutti e ha conquistato l’attenzione di tutti i media.” ha dichiarato Domenico Siniscalco, Presidente della Fondazione Einaudi. “In Fondazione Einaudi, con il supporto tecnologico di Reply e con il sostegno finanziario determinante della Compagnia di San Paolo, avevamo iniziato a lavorarci in primavera, sfruttando la digitalizzazione dell’archivio e la pubblicazione dei primi volumi degli scritti di Einaudi per la relativa Edizione nazionale, usciti grazie alla Banca d’Italia. L’idea era di rendere utilizzabile un archivio di scritti, lettere, appunti a dir poco sterminato. È bastato qualche mese e il nostro progetto, che presentiamo oggi, è diventato uno dei tanti, o almeno di alcune applicazioni in materia. Il progetto ruota intorno al pensiero liberale di Luigi Einaudi. Ha alcune caratteristiche: vuole utilizzare tutti gli scritti di Einaudi presenti in Fondazione e in rete. Un’innovazione radicale che rende possibile un salto in avanti nella produttività e nella ricerca e anche un’espansione delle fonti utilizzabili. Ritengo che contribuirà a tenere viva la figura e il pensiero del Presidente. In questo senso il progetto non va utilizzato guardando nello specchietto retrovisore, ma guardando avanti.”

“Il progetto ‘Pensiero Liberale, Dialogo Attuale’ conferma il nostro interesse e impegno in un ambito strategico per il sostegno allo sviluppo del nostro Paese, in linea con quanto previsto dall’agenda europea. Basti pensare al Digital Europe Programme o a Next Generation EU, iniziative che prevedono una declinazione a livello nazionale nel programma strategico per l’intelligenza artificiale 22-24. È un treno in corsa, ma soprattutto una grande opportunità di sviluppo che come sistema Paese siamo chiamati a cogliere” ha dichiarato Francesco Profumo, Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo. “Di fronte alle molteplici sfide che ci attendono come Fondazione confermiamo dunque il nostro impegno per fornire risposte ad alcune delle sfide sociali, ambientali, tecnologiche ed economiche cui sono chiamate le fondazioni filantropiche. In particolare, questo progetto integra l’eredità culturale di Luigi Einaudi – economista, uno dei maestri del pensiero liberale e secondo presidente della Repubblica italiana – con l’Intelligenza Artificiale e rappresenta un passo avanti nell’integrazione tra eredità culturale e tecnologia avanzata.”

“L’intelligenza artificiale” ha dichiarato Tatiana Rizzante CEO di Reply “sta rapidamente permeando ogni aspetto della nostra società, aprendo la strada a nuove opportunità. La gestione della conoscenza è uno degli ambiti a cui Reply è particolarmente attenta. Gestire la conoscenza con l’intelligenza artificiale significa, non solo, trasformare il modo con cui si accede ai dati e si estraggono le informazioni, ma anche ripensare i processi decisionali e il modo di lavorare delle persone. Per supportare questo cambiamento abbiamo ideato e sviluppato MLFRAME Reply, un framework che integra una metodologia proprietaria per l’analisi delle basi dati con strumenti per la creazione di modelli generativi conversazionali, applicabili a specifici domini di conoscenza. Questo stesso framework oggi rappresenta la componente di intelligenza del digital human di Luigi Einaudi, a cui il nostro team che lavora sulle tecnologie 3D real time, e in particolare sulla realizzazione di umani digitali iperrealistici, ha dato un volto e un’immagine. Questa sinergia di competenze e tecnologie permette di estendere l’accesso alla conoscenza a un pubblico più ampio, creando una connessione coinvolgente tra cultura e persone.”

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *