Seguici su

Cronaca

Non ha mai finito l’università, ma lavorava come infermiera in diverse strutture della Granda

Ora dovrà rispondere di esercizio abusivo della professione di infermiera e di falso

Avatar

Pubblicato

il

CUNEO – Da dei controlli da parte Carabinieri del Nucleo per la tutela della salute (Nas) di Alessandria, una sedicente infermiera 33enne è stata scoperta non avere titoli per lavorare nelle strutture sanitarie. Ai militari aveva presentato solo autocertificazioni, ma dai controlli incrociati con l’OPI, l’ordine delle professioni infermieristiche, non risultava iscritta. Quando poi hanno chiesto alle università piemontesi, la 33enne risultava aver abbandonato gli studi del corso di laurea in Infermieristica.

Però, la stessa risultava infermiera presso strutture di cura e case di riposo della Granda, come a Revello, Cavallermaggiore e Piasco, tra l’aprile 2019 e l’ottobre 2022. Ora dovrà rispondere di esercizio abusivo della professione di infermiera e di falso. OPI ha presentato denuncia ai Carabinieri di Cuneo e il 14 maggio prossimo ci sarà la prima udienza dibattimentale, in cui la donna è difesa dall’avvocato albese Roberto Ponzio.

Iscrivi al canale Quotidiano Piemontese su WhatsApp, segui la nostra pagina Facebook e continua a leggere Quotidiano Piemontese

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv

Dalla home

adv

Facebook

adv