Seguici su

Economia

Morto il presidente di Fincantieri, il generale Claudio Graziano. In casa un messaggio di addio

Fincantieri ha perso il 3% in borsa dopo che si è diffusa la notizia

Avatar

Pubblicato

il

TORINO – È stato trovato morto questa mattina il presidente di Fincantieri, il generale Claudio Graziano. Nato nel 1953 a Torino, Graziano aveva perso da poco la moglie. In casa a Roma è stato trovato un biglietto d’addio in cui manifesta una mancanza di senso della sua vita dopo la recente scomparsa della moglie. Ex capo di stato maggiore della Difesa e presidente del comitato militare Ue, era diventato presidente di Fincantieri nel 2022.

Fincantieri ha perso il 3% in borsa dopo che si è diffusa la notizia. L’azienda esprime il suo cordoglio in una nota: “Fincantieri esprime immenso dolore per l’improvvisa scomparsa del Generale Claudio Graziano, Presidente del Gruppo, che lascia un grande e incolmabile vuoto. L’amministratore delegato e direttore generale Pierroberto Folgiero, il Consiglio di amministrazione, il collegio sindacale, i dirigenti e tutti i dipendenti di Fincantieri ne ricordano con commozione le straordinarie doti umane e professionali che lo hanno da sempre contraddistinto nella sua lunga carriera”.

“Oggi e’ morto non solo un grande condottiero, che ha dedicato tutta la sua vita all’Italia, ma anche un grande manager ed un grande amico. Oltre che la figura istituzionale mancherà a me moltissimo la persona privata, la sua visione rigorosa del Paese e della vita, dell’importanza del coraggio e dell’amicizia come i veri valori che servono per vincere tutte le battaglie. Come quella per il suo grande amore, sua moglie Marisa, che ha difeso per anni dalla malattia, e che ha perso solo un anno fa”. Così l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Fincantieri Pierroberto Folgiero commentando la tragica scomparsa del Presidente, il Generale Claudio Graziano

Un’efficace prevenzione del suicidio richiede che ognuno sia a conoscenza dei fattori di rischio del suicidio e sappia come gestirli.
Pensare che una persona cara, un familiare, un amico, un collega si possa suicidare, certamente spaventa e fa sentire impotenti. Quando si conosce una persona, tuttavia, siamo spesso in grado di dire quando è in crisi, perché siamo in grado di riconoscere il suo disagio.
Ci sono molti modi in cui si può supportare. Questo sito vuole aiutare sia chi sta pensando al suicidio sia a riconoscere quando qualcuno è a rischio di suicidio e capire le azioni che si possono intraprendere per aiutarlo.
Il suicidio è un rimedio definitivo ad un problema temporaneo. Un’altra soluzione è sempre possibile!

Il dialogo è la via più concreta per poter iniziare ad aiutare chi vede la vita come un peso.

Oltre al numero di emergenza 112, puoi provare a parlarne con Telefono Amico, tutti i giorni dalle 10 alle 24 al numero 02 2327 2327 o tramite la webcallTAI gratuita all’indirizzo www.telefonoamico.net.

Iscrivi al canale Quotidiano Piemontese su WhatsApp, segui la nostra pagina Facebook e continua a leggere Quotidiano Piemontese

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv

Dalla home

adv

Facebook

adv