‘Ndrangheta in Piemonte, si dimette il sindaco di Leinì Ivano Coral. Il padre fu arrestato a giugno

Si è dimesso il sindaco di Leinì Ivano Coral (nella foto il primo da sinistra), primo cittadino dal marzo 2010. La motivazione ufficiale sembrerebbero essere le divisioni nella maggioranza di centrodestra sulle revisioni del piano regolatore generale, ma molti pensano che sulla scelta avrebbero pesato le inchieste che hanno travolto il padre Nevio, ex sindaco della cittadina nell’hinterland torinese, arrestato a giugno nell’ambito dell’operazione Minotauro della procura sui rapporti tra alcuni politici ed esponenti della ‘ndrangheta (leggi tutti gli articoli di QP su quell’inchiesta).

Ivano Coral è anche il cognato dell’ex assessore regionale alla Sanità, Caterina Ferrero (nella foto), a sua volta indagata per gli appalti nella sanità.