Inaugurata la nuova piazza Solferino a Torino: spariti i gianduiotti di Giugiaro, arriva la meridiana – fotogallery

meridiana-piazza-solferinoDopo anni di lavoro, successivi alla trasformazione post olimpica dopo lo smantellamento dei gianduiotti di Giugiaro, piazza Solferino è stata inaugurata dopo la realizzazione dei box interrati. non c’era miglior auspicio per piazza Solferino, restituita a nuova vita dopo anni di cantieri. La ristrutturazione della piazza è avvenuta grazie ai finanziamenti privati che hanno permesso la realizzazione i box pertinenziali interrati per un costo di un milione e 800 mila euro. I parcheggi, per tutelare le piante della piazza, sono stati realizzati in maniera trasversale, scendendo per cinque piani sotto la superficie. Sulla piazza sono stati trapiantati. 15 nuovi ippocastani, 10 pruni, 800 rose e 12 gelsomini.

L’intervento che è stato realizzato ha dato la possibilità di ripristinare la continuità dei percorsi e di riqualificare il giardino ed il resto della piazza, recuperando all’uso pedonale aree prima utilizzate da auto e bus. Si è creato un ampio asse centrale pavimentato in porfido (utilizzabile anche per eventi e manifestazioni pubbliche) che collega la fontana Angelica, il monumento a Ferdinando di Savoia ed uno spazio ellittico nel quale è stato sistemato il monumento a La Farina, uno dei padri dell’Unità d’Italia, dopo il restauro (era stato rimosso nel 2003 per lasciar spazio ai padiglioni). I viali laterali sono stati riqualificati integrando gli alberi mancanti, aggiungendo 15 nuovi ippocastani, modificando l’illuminazione con lampade a minore consumo e maggiore resa e dotandoli di nuove panchine.

Il monumento equestre a Ferdinando di Savoia è ora al centro di una piazzetta pavimentata in pietra di Luserna e porfido ed illuminata da luci a led incassate nel pavimento, ed è stata realizzata anche una “piazzetta” con una meridiana che ha uno stilo parallelo all’asse di rotazione terrestre la cui ombra segna l’ora solare del fuso orario, ed in corrispondenza di una M e del simbolo del toro il mezzogiorno solare vero di Torino, circa mezz’ora prima di quello convenzionale.

 

[imagebrowser id=619]