“La ‘ndrangheta non deve vincere in Piemonte”. La Commissione antimafia alla cascina Bruno Caccia di Libera – foto e video

DSC02362 (FILEminimizer)“L’Italia non vuole i voti della mafia”. Non usa mezzi termini l’onorevole Rosy Bindi nel descrivere i valori alla base del suo nuovo incarico, quello di presidente della Commissione parlamentare antimafia. Giovedì a Torino la presentazione del rapporto sulla criminalità organizzata al Nord, ieri invece la visita della Commissione al gran completo a San Sebastiano Po, nella cascina intitolata al magistrato Bruno Caccia (e a sua moglie Carla), ucciso il 26 giugno 1983 a Torino dalla ‘ndrangheta.
Da quelle stanze, appartenute al boss Domenico Belfiore, partì l’ordine di morte per il giudice e ora che il bene è stato confiscato dallo Stato e affidato alle associazioni Acmos e Libera Piemonte, è un centro di formazione e crescita della coscienza civile di centinaia di ragazzi.
Alla presenza della nipote di Caccia, Martina, della referente regionale di Libera Maria Josè Fava, del deputato Davide Mattiello e di tanti altri, si è svolto un incontro allegro, ma intenso per far conoscere la storia e la realtà odierna di un luogo simbolo della lotta alle mafie.

Nel breve video che potete vedere qui sotto un resoconto della giornata e le parole, accorate e decise, di alcuni protagonisti della giornata di ieri, con, a seguire, la fotogallery.

[imagebrowser id=906]