Pm10: Torino e cintura confermano il blocco dei diesel euro 5 fino a lunedì 14 gennaio

Il vento delle ultime ore ha abbassato il livello di Pm10 nell’aria ma non a sufficienza. Così Torino e la cintura confermano il blocco dei veicoli a motore diesel fino a Euro 5 e benzina Euro 1 fino a lunedì 14 gennaio, quando ci sarà il nuovo rilevamento di Arpa.

Euro 5 diesel (immatricolati prima del 01/01/2013), Euro 1 benzina, mezzi a benzina, diesel, gpl e metano, ciclomotori e motocicli con classe emissiva euro0 non possono circolare tutti i giorni nelle 24 ore. Dalle 8 alle 19 non possono circolare i diesel euro 1, 2, 3 e 4; orario diverso, a parità di omologazioni, per i veicoli per il trasporto merci: 8,30-14 e 16-19.

Si ricorda anche il divieto di tenere acceso il motore durante la sosta.

Oltre a Torino, i comuni interessati dal blocco di livello rosso sono:

Beinasco
Borgaro Torinese
Collegno
Grugliasco
Moncalieri
Nichelino
Orbassano
Rivoli
San Mauro Torinese
Settimo Torinese
Venaria

Ricordiamo che i motori diesel Euro 5B sono equiparati agli Euro 5 e quindi devono rimanere fermi.

Le misure indicate dal Dgr della Regione Piemonte, accolte dalla ordinanza numero 67/2018 del Comune, non riguardano soltanto la circolazione veicolare: quali misure permanenti, ai punti 1.6 e 1.7 dell’ordinanza viene indicato “l’obbligo di utilizzare …nei generatori di calore a pellets di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellets che siano realizzati con materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica di legno vergine e non contaminati da inquinanti” e il divieto di combustione all’aperto del materiale vegetale nel periodo compreso tra il 1 novembre e il 31 marzo. Con il livello rosso, il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) si estende a quelli aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle.

Sempre in relazione al riscaldamento, a partire dal livello arancio si introduce “il limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie negli edifici pubblici – fatta eccezione per le strutture sanitarie -, nelle abitazioni, negli spazi ed esercizi commerciali; in questi ultimi spazi è obbligatorio tenere chiuse le porte che comunicano con l’esterno”.



In questo articolo: