Evasione fiscale: sequestro di beni per 1,8 milioni al rappresentate di un’azienda di filati

Il giudice Eleonora Saccone ha disposto il sequestro di beni fino a un milione e 809 mila euro nei confronti di Enrico Bianchetti, 55 anni, di Trivero, rappresentante legale della Manifattura Cardafil di Pray. A tanto ammontano i mancati pagamenti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. Bianchetti è stato anche condannato a una pena di due anni e sei mesi di reclusione.

Bianchetti avrebbe realizzato quella che la guardia di finanza chiama “frode carosello”, che consiste nel metter sul mercato i propri prodotti a prezzi concorrenziali, eliminando il pagamento dell’Iva, tramite una complessa rete di scambi intracomunitari.

L’indagine è stata condotta dalla guardia di finanza di Biella.



In questo articolo: