Donna di Cavallermaggiore truffata di 3 mila euro per un inesistente “vaglia online”

Una donna di Cavallermaggiore (Cn), è stata truffata dopo aver messo un annuncio online per vendere dei libri da un uomo di 37 anni, che abilmente le ha sottratto 3 mila euro. L’uomo, spacciandosi per impiegato delle poste, aveva chiesto se per il pagamento poteva effettuare un “vaglia online”, rassicurandola che è riscuotibile con qualsiasi carta dopo una procedura da eseguire con un ATM Postamat. Ovviamente non esiste un prodotto postale del genere, ma la donna, in collegamento telefonico con il 37enne ha seguito passo passo la procedura da lui indicata inserendo il numero di una postepay del truffatore. Quando si è accorta che nel suo conto corrente mancavano quasi 3 mila euro, la donna si è rivolta ai carabinieri della stazione di Cavallermaggiore che dopo le indagini hanno individuato il colpevole del raggiro. L’uomo, residente a Roma, utilizzava per le sue numerose truffe diverse postepay intestate a persone sconosciute.



In questo articolo: