I dati di Unioncamere Piemonte: crollo dell’export di macchine

Unioncamere Piemonte ha pubblicato i dati di esportazione sul primo trimestre dell’anno 2019. E’ significativo il dato sulle esportazioni di auto dal Piemonte, settore che ha subito un vero crollo: la flessione è del 42%.

Invece il valore complessivo delle esportazioni piemontesi di merci è stato pari a 11,5 miliardi di euro, in calo del 3,6% rispetto allo stesso periodo del 2018.

I più importanti mercati dell’area Ue28 per le merci piemontesi si confermano quello tedesco e quello francese, mentre hanno registrato una flessione del 9,5% le esportazioni verso i Paesi extra-Ue 28. Sono in calo tutti i settori, unica eccezione sono le industrie alimentari e delle bevande, che hanno incrementato le vendite oltre confine del 17,8%.

Ecco i dati eterogenei sul territorio piemontese:

  • Torino (-10,8%), penalizzato dal trend della filiera autoveicolare
  • Asti (-7,6%)
  • Verbania (-7,2%)
  • Biella (-5,3%)
  • Alessandria (+0,3%)
  • Novara (+1,3%)
  • Cuneo (+6,7%)
  • Vercelli (+12,5%)

“I dati delle esportazioni piemontesi di questo primo trimestre 2019 sono preoccupanti. L’export registra un -3,6%, in controtendenza al dato nazionale del +2,0%, a quello del Veneto (+1,4%) e dell’Emilia Romagna (+5,0%). Anche la Lombardia con il suo -1,6% non ci consola. Per la prima volta è in gioco la nostra quarta posizione a livello italiano come regione esportatrice: il Lazio ci incalza con il suo +21,01%. Questo forte rallentamento verso i mercati esteri, soprattutto extra Ue, è generalizzato e diffuso e per questo ancora più allarmante. Le esportazioni, durante gli anni della crisi, hanno rappresentato la nostra àncora di salvezza, l’unico vero gancio alla ripresa e allo sviluppo dei territori: perdere ora questa chance commerciale non può che rappresentare un danno importante per le aziende piemontesi. Per bloccare subito questa tendenza, abbiamo il dovere come istituzioni di adottare misure urgenti e straordinarie che possano consentire alle nostre merci di essere attrattive agli occhi del mondo e alle nostre imprese di voler credere nella sfida dell’internazionalizzazione” – commenta il presidente di Unioncamere Piemonte, Vincenzo Ilotte.

Comunicato completo in pdf