Il treno in Piemonte ai tempi del coronavirus: ridotti i Frecciarossa da Torino per Milano e Roma e prorogati i tempi per i rimborsi dei biglietti

Il calo dei viaggi per turismo, business o altro ha determinato una discesa verticale dell’utilizzo dell’alta velocità per cui Trenitalia ha deciso di ridurre del 17 per cento l’offerta dei Frecciarossa.

Da 58 treni alta velocità giornalieri, si è passati a 8 Frecciarossa in meno tra Torino-Milano e Roma, quattro all’andata e quattro al ritorno, dal lunedì al sabato e ben 10 la domenica.
Sono stati annullati i treni in partenza alle 10,50, 11,50, 12,50 e 14,50 con uguali soppressioni per i viaggi di ritorno

Sono stati prorogati i tempi per le richieste di rimborso dei biglietti Trenitalia. I viaggiatori possono ottenere il rimborso integrale per rinuncia al viaggio anche per biglietti acquistati dopo il 23 febbraio 2020, indipendentemente dalla tariffa, presentando la richiesta entro i termini indicati nelle disposizioni nazionali in materia e giustificando il mancato viaggio con i seguenti motivi:

per quarantena, permanenza domiciliare e per tutti i viaggi con arrivo o partenza nelle aree indicate dal provvedimento;
per viaggi programmati per partecipare a gite scolastiche, concorsi, manifestazioni, eventi o riunioni che sono stati annullati, rinviati o sospesi;
per viaggi programmati verso l’estero dove è impedito o vietato l’arrivo secondo le disposizioni emanate.
Per i treni a media e lunga percorrenza, il rimborso integrale è in bonus utilizzabile entro un anno. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito web form disponibile su trenitalia.com o presso qualsiasi biglietteria.

Per i treni regionali, il rimborso integrale è in denaro. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito modulo on line o presso le biglietterie.



In questo articolo: