Attacchi sessisti alla ministra dell’Istruzione Azzolina da parte di un docente di Ovada

“Una grillina (la ministra Azzolina, ndr). Ed è un insulto peggiore che essere definita p******”. Lo ha scritto su Facebook un docente dell’IIS Barletti di Ovada, in provincia di Alessandria unendosi agli altri vergognosi attacchi alla ministra Azzolina.

“Se questi sono docenti… Noi ci vergogniamo per loro!” scrive informazionescuola.it.  “Il presunto docente  dell’IIS Barletti di Ovada (Alessandria) tale Vittorio De Prà, uno dei collaboratori del dirigente Scolastico – si legge sul sito-  in spregio ad ogni regola di educazione, rispetto umano e professionale si è lanciato in commenti pubblici sconcertanti e vergognosi. In quella scuola la situazione è ancora più grave perché molti dei suoi commenti trovano like di personale insegnante che opera nella stessa scuola”.

“Crediamo che le critiche siano sempre legittime ma la degenerazione delle condotte di alcuni (per fortuna pochi) umilia una categoria di professionisti seri e responsabili – continuano -.  Il docente oltre che un dispensatore di conoscenze deve essere per i propri alunni un modello di vita. Anche fuori dalla scuola il docente dovrebbe mostrare un comportamento improntato a serietà e correttezza”.

Solidarietà della Città metropolitana di Torino alla ministra Azzolina, sotto scorta dopo gli attacchi

“Siamo allibiti – si legge sulla pagina Facebook del Movimento 5 Stelle Piemonte -. Come possono esistere insegnanti così? In spregio ad ogni regola di educazione, rispetto umano e professionale alcuni docenti, come tale docente Vittorio de Prà dell’IIS Barletti di Ovada (Alessandria) e Pasquale Vespa (presidente dell’Associazione Docenti per i Diritti dei Lavoratori) si sono lanciati in commenti pubblici sconcertanti e vergognosi. 

Questa degenerazione di stampo sessista delle condotte di alcuni docenti umilia una categoria di professionisti seri e responsabili.

Ringraziamo tutti gli altri insegnanti che in questo momento difficile stanno dando il massimo, con forza propositiva e correttezza e esprimiamo la massima solidarietà al Ministro Lucia Azzolina”.



In questo articolo: