Novara: chiesti 17 anni per Alberto Pastore, che uccise l’amico a coltellate e poi confessò sui social

Sono stati chiesti 17 anni per il giovane ventitreenne, Alberto Pastore, che nella notte del 25 agosto scorso ha ucciso a coltellate un amico coetaneo, Yoan Leonardi, per motivi di gelosia. Pastore dopo il delitto andò sui social per sfogarsi e incolpare l’amico per quello che è successo. Con il rito abbreviato che riduce di un terzo la pena Pastore si è detto pentito per l’accaduto.

I difensori Paola Lorenzini e Lorena Fusè hanno chiesto il minimo della pena con la concessione delle attenuanti, tenuto conto della collaborazione e del percorso riabilativo che attende l’imputato. Le parti civili assistiti da Alessandro Romeo sono i genitori e i fratelli di Yohan. Loro ribadiscono che:  “non si tratta di vendetta ma di giustizia”. E forse arriverà già prima della pausa estiva, con la sentenza della giudice Rossana Mongiardo.

LEGGI ANCHE

L’omicida di Novara al gip: “Voglio farla finita, è meglio che mi uccida”