La Polizia di Novara sequestra due alloggi in Viale Dante occupati abusivamente e in condizioni fatiscenti

Gli agenti della Polizia di Stato di Novara hanno effettuato un controllo nello stabile di via Dante nr. 28/B durante il quale sono state riscontrate condizioni molto critiche che hanno richiesto il sequestro preventivo di due alloggi.

All’interno dell’alloggio situato al piano terra, con destinazione d’uso a magazzino ed articolato in due locali di ridotte dimensioni, sprovvisto di acqua potabile e di impianto funzionante di riscaldamento, bagno dotato di solo WC e mancante di altri sanitari si trovava una coltre di muffa al soffitto ed alle pareti e presenza di miasmi nauseabondi. All’interno sono stati identificati due coniugi irregolari sul territorio nazionale che comunque pagavano 300 euro alla padrona di casa. Un sopralluogo di una squadra esterna ENEL haaccertato il furto di energia elettrica tramite allaccio a monte del contatore.

Nell’appartamento posto al secondo piano, sono stati identificati tre cittadini stranieri che pagavano 50 euro ciascuno. L’abitazione è risultata essere priva di energia elettrica: sopra la porta di ingresso sono stati rilevati dei cavi elettrici scoperti in tensione, adiacenti ad altri cavi pronti per la conduzione di energia elettrica, con estremo pericolo. Anche questo appartamento era completamente fatiscente nelle strutture e negli impianti, con cumuli di rifiuti di ogni genere,.

La proprietà dell’appartamento era passata in mano a un istituto bancario che ha fatto valere il diritto di ipoteca a fronte del mancato pagamento di mancate rate di mutuo. L’alloggio era stato occupato abusivamente per essere sfruttato da soggetti senza scrupoli allo scopo di ricavarne un indebito vantaggio economico in danno di stranieri irregolari sul territorio nazionale, non aventi i requisiti per procedere ad una regolare locazione.



In questo articolo: