Falsifica il testamento della zia morta nel 2019 e sblocca obbligazioni per 80 mila euro, indagato

Un cittadino torinese di 43 anni è stato indagato con l’accusa di aver falsificato il testamento della zia morta nel 2019 all’età di 94 anni, per avere svincolato obbligazioni per 80mila euro oltre che per avere trasferito 3mila euro dal conto della zia al suo.

Le indagini sono svolte dalla guardia di Finanza di Cuneo, coadiuvate dal Pm Delia Boschetto della procura di Torino, in quanto la zia abitava a Verzuolo.
Dalle indagini è emerso come la donna anziana abbia espresso la volontà nel testamento di lasciare i propri averi alla parrocchia Santa Maria delle Scale, nel paese del Cuneese, rendendolo noto al parroco della chiesa e alle altre signore che dimoravano con lei nella casa di riposo.