Il concerto di Davide Shorty al CAP10100 di Torino

Il tour di Davide Shorty prende il nome dall’omonimo album “fusion.”, va scritto tutto minuscolo con il punto sottolinea sempre il cantautore, che contiene “Regina”, brano che ha portato sul palco dell’Ariston nella sezione “Nuove Proposte” della 71^ edizione del Festival di Sanremo, classificandosi 2° e vincendo il “Premio della Sala Stampa Lucio Dalla”, il “Premio Enzo Jannacci NUOVO IMAIE 2021” e il “Premio Lunezia per Sanremo 2021” per il valore musical-letterario.

Nel 2015 partecipa a X Factor e si classifica terzo, sotto l’ala protettrice di Elio (leader del gruppo Elio e le Storie Tese) all’epoca giudice, con il quale ha costruito un rapporto anche professionale scrivendo e duettando un brano, singolo della scorsa estate, dal titolo “Canti ancora?”.

A 20 anni fugge dalla Sicilia e si trasferisce in Inghilterra, si definisce rapper, producer, cantautore e cittadino del mondo. Oggi ha 32 anni, anima soul, grande potenza vocale e stile british, dopo la fortunata partecipazione Sanremo torna live esperienza di cui lo stesso sottolinea aveva fisicamente bisogno.

Sul palco presenta un concerto “tutto suonato” ci tiene a precisare, quelli dove devi assolutamente muoverti, ma si è tolto anche qualche sassolino dalla scarpa, non manda a dire quanto pensa, il suo punto di vista, chiare idee politiche, temi sociali controversi e posizioni che lui sostiene vadano assolutamente prese. Lascia pochi dubbi su cosa pensa e cosa vuole raccontare musicalmente. Con lui musicisti molto forti, dinamici e sicuramente un live che oltre ad essere ascoltato va ballato.

Ad accompagnare sul palco Davide Shorty ci sono la Straniero Band, composta da Emanuele Triglia al basso, Claudio Guarcello alla tastiera e Davide Savarese alla batteria.

L’evento si è svolto all’interno del CAP10100 per ritardi burocratici che avrebbero dovuto dare l’autorizzazione a suonare all’interno del Parco Ginzburg che ospita la manifestazione e da cui prende il nome il festival. Il 7 luglio una tromba d’aria ha causato la caduta di un pioppo sul palcoscenico con danni notevoli, ma non si sono arresi ed è partito un crowdfunding per collaborare tutti alla rinascina e la continuazione del festival, diversi artisti famosi si sono mobilitati e anche Shorty ha partecipato rinunciando a parte del cachet stabilito. Sul sito e sui social trovate tutte le informazioni necessarie per donare, e tutti gli eventi, ci ha confermato stasera la direttrice artistica del festival, sono confermati e si terranno in ogni modo.

Tra i prossimi eventi sicuramente di spicco Beatrice Antolini il 22 luglio a Ginzburg Park Festival.

Foto e Reportage Elisabetta Canavero/QP



In questo articolo: