La Dia sequestra beni per un milione di euro ad un impreditore di Alessandria

La Direzione Investigativa Antimafia ha sequetraato beni per un valore di oltre 1 milione di euro in provincia di Alessandria in seguito ad un decreto emesso dal Tribunale di Torino – Sezione Misure di Prevenzione – su proposta avanzata dal direttore della Dia nei confronti di un noto pluripregiudicato.

L’uomo al centro della vicenda è un imprenditore dedito alla promozione ed alla gestione di cooperative di pulizia ed è stato condannato nel 2019 per estorsione aggravata a tre anni e sei mesi di reclusione nell’ambito dell’operazione “Borderline”.

Secondo gli inquirenti, l’imprenditore aveva dimostrato di possedere una notevole pericolosità sociale in quanto pregiudicato per gravi reati contro il patrimonio e la persona e considerato vicino ad alcune cosche mafiose.

La misura, effettuata anche nei confronti dei familiari stretti nonchè di terzi, ha interessato 8 beni immobili, 2 beni mobili, diversi rapporti finanziari, nonchè quote di partecipazione in due società operanti nel settore immobiliare e delle pulizie.



In questo articolo: