Polemiche Mondiali in Qatar: Ezio Greggio fa sorridere e riflettere

I Mondiali di calcio in Qatar 2022 sono partiti domenica scorsa con la partita tra Ecuador e il Paese ospitante, arbitrato dall’italiano Daniele Orsato, finita poi 2-0 per i sudamericani, ma non si placano le polemiche per le decisione dell’emirato di far rispettare la legge coranica anche ai tifosi arrivati da tutto il mondo. No alcool, no carne di maiale, no sesso ma soprattutto no all’omosessualità e obbligo al velo per tutte le donne.

Si leva quindi da più parti il coro di chi si è accorto a cose fatte che il Qatar non è il Paese ideale per queso genere di eventi internazionali. Dai container come alloggi per i tifosi, con evidenti problemi idrici e di igiene, alle persone locali pagate per impersonare i tifosi delle altre nazioni per far risultare gli spalti pieni, sono solo alcune delle irregolarità contestate al Qatar.

Tra coloro che si sono espressi riguardo ai mondiali c’è anche la voce di Ezio Greggio, conduttore televisivo cossatese che ha fatto sorridere e riflettere con il suo tweet: “In Qatar è la prima volta nella storia dei mondiali di calcio dove gli spettatori son più ricchi dei calciatori…”. Se subito ci strappa un sorriso, ci rendiamo conto però immediatamente dopo che a muovere la macchina dei mondiali di calcio sono stati sopratutto i soldi, in barba ai diritti umani e alla tolleranza tanto cara alla vecchia Europa che anche in questo mondiale porta 13 nazioni su 32 qualificate.



In questo articolo: