Piero Pesce passa dall’ospedale al carcere per aver ucciso il figlio 28enne a Canelli

Piero Pesce, 61 enne di Canelli, che ha ucciso all’alba di mercoledì 23 novembre il figlio Valerio di 28 anni è stato trasferito dalla Psichiatria dell’ospedale al carcere di Alessandria per decisione del gip Giorgio Morando che ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare.

L’uomo ha accoltellato il giovane al culmine di una lite, poi avrebbe vegliato sul corpo per diverse ore prima di chiamare i carabinieri che hanno trovato Valerio Pesce in una pozza di sangue in camera da letto nell’appartamento al secondo piano di viale Indipendenza nel centro di Canelli.

In seguito alla confessione resa ai militari, Piero Pesce è stato ricoverato in ospedale per un tentativo anticonservativo e anche gli avvocatio difensori avevano chiesto una misura cautelare idonea al suo stato psicologico. Richiesta che non è stata accolta.

Intanto le indagini sul corpo del figlio sono terminate ed è arrivato il nulla osta per i funerali che si terranno in forma strettamente privata e di cui non si conosce luogo, data e ora.