La denuncia di un cittadino nel canavese: “Un Ufo inseguito da due caccia”



Di certo al momento c’è solo una denuncia ai carabinieri. Che parla di “oggetto volante non identificato emanante forte bagliore che, mercoledì scorso, intorno alle 23,  dopo aver sorvolato il centro abitato di Corio, si allontanava repentinamente alla vista di due aerei verosimilmente militari” (corsivo, ndr).

Diversi testimoni dicono di avere sentito il frastuono dei motori dei velivoli; alcuni dicono di avere visto il colore rosso dei reattori nella notte. Altri di avere sentino “Un boato incredibile” tanto che “Hanno tremato i vetri”.

Avvistamenti che sono stati notati non solo a Corio ma anche a Levone, Barbania, Rocca e in Val Grande di Lanzo. Perlomeno per ciò che riguarda i due aerei. Per ciò che concerne in fantomatico Ufo inseguito c’è da andare con i piedi di piombo.

Invenzioni e/o suggestioni a parte, “in paese non si parla d’altro – spiega il sindaco di Corio, Maria Costa Frola – tutti che chiedono a me cosa sia successo ma io ovviamente non ne so nulla. Ma in tanti mi parlano di un inseguimento”.

Dei due caccia, però, non risultino passaggi nello spazio aereo del Torinese: dall’All’aeronautica militare risulta solo “un volo di un Tornado in addestramento ad altissima quota, addirittura superiore a quella usuale. Nessun nostro aereo ha sorvolato la zona di Corio a bassa quota ed escludiamo che potesse trattarsi di velivoli sperimentali”.

Dall’Enav, invece, spiegano: “Noi ci occupiamo dei voli civili e comunque solo sopra una certa quota. Se ci fossero stati dei voli militari potremmo anche non saperlo”.

Adesso per fare chiarezza la deputata Pd Francesca Bonomo e il senatore Pd Mauro Marino hanno annunciato un’interrogazione parlamentare.

Aggiornamento 11 giugno: il mistero potrebbe essere stato risolto.

Ultima modifica: 11 giugno 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione