Confartigianato boccia le politiche di Torino

Le aziende della Confartigianato di Torino bocciano le azioni dell’amministrazione cittadina guidata da Chiara Appendino. E’ quanto risulta dal sondaggio illustrato oggi all’assemblea per i 70 anni dell’associazione.

La qualità di vita e del lavoro e il quadro delle opportunità per i giovani sono giudicati insufficienti per il 67% degli interpellati, sufficienti per il 23%; bocciate dal 67,4% le politiche legate a cultura, turismo e grandi eventi, ottime solo per il 2.4%.

Alla voce politiche per le periferie, il giudizio è negativo per il 55,8% mentre il 44.2% non sa rispondere. Pollice all’ingiù anche per la mobilità e il progetto della nuova Ztl, giudicate “politiche assolutamente negative” dal 34,9% delle aziende che hanno partecipato al sondaggio, oltre al 37.2% che ne chiede la revisione; solo il 2.3% le ritiene positive per l’ambiente.

Tra gli interventi prioritari per Torino, il 25.6% vuole la seconda linea della metropolitana, il 23.3% grandi eventi, il 23.2% la riqualificazione delle periferie.



In questo articolo: