Conte ad Accordi e Disaccordi: “Proroga fino al 3 maggio ipotesi non accreditata” – DIRETTA –

La mia intervista di questa sera a “Accordi & Disaccordi”

La mia intervista di questa sera a “Accordi & Disaccordi”

Posted by Giuseppe Conte on Wednesday, April 1, 2020

“Proroga fino al 3 maggio? E’ un’ipotesi non accreditata, in questo momento è presto. I nostri esperti aggiornano i dati ogni giorno, fino al 20 aprile ci saranno elaborazioni”. Così il premier Giuseppe Conte durante la registrazione dello Speciale Accordi e Disaccordi in onda stasera alle 21,25 sul Nove.

“Dire oggi ‘primi di maggio o fine di aprile’ non ha senso. Gli italiani devono sapere che il regime di restrizioni è necessario – continua – nel momento in cui vedremo possibilità di allentare questa morsa, saremo i primi a volerlo fare”.

La mia intervista di questa sera a “Accordi & Disaccordi”

La mia intervista di questa sera a “Accordi & Disaccordi”

Posted by Giuseppe Conte on Wednesday, April 1, 2020

“Innanzitutto il messaggio che dobbiamo dare agli italiani è confermare che il regime attuale continua”, ha detto il premier Giuseppe Conte durante la registrazione dello Speciale Accordi e Disaccordi in onda stasera su Nove. “Bisogna rispettare le regole. Stiamo attraversando una fase delicata. Un timido segnale di contenimento c’è, ma non dobbiamo abbassare il livello di guardia, altrimenti – continua – gli sforzi saranno stati vani”.

LEGGI ANCHE Emergenza Coronavirus, Conte firma dpcm proroga, blocchi fino al 13 aprile: “Sospesi anche gli allenamenti degli atleti delle società sportive”

”E’ certo che non ritengo di dover rimanere seduto su questa poltrona vita natural durante. Ovviamente mi attengo all’orizzonte di una legislatura, ma poi rimetto alle forze di maggioranza le valutazioni, confido che si possa lavorare anche per la ricostruzione, questo sì”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte allo Speciale Accordi e Disaccordi, sul Nove, rispondendo a una domanda sul futuro del governo. ”Se penso ci possa essere un cambio di governo esaurita l’emergenza sanitaria? Dovendo lavorare su un’emergenza complessa e impegnativa gli scenari futuri non possono appassionarmi”.



In questo articolo: