Apre a Torino il Centro Cultura Ludica ‘Walter Ferrarotti’

Ha aperto al pubblico a Torino il Centro Cultura Ludica ‘Walter Ferrarotti’, in via Millelire 40 a Mirafiori Sud, con un ricco programma di incontri, laboratori e mostre.

Il Centro promuove la diffusione della cultura ludica e contribuisce alla sperimentazione delle diverse forme di gioco, tra tradizione e innovazione, oltre a offrire spazi espositivi allestiti per sollecitare nei visitatori un approccio evocativo ed emozionale attraverso la metodologia ludiforme hands on (un approccio informale e concreto), che stimola la scoperta e la sperimentazione attiva. Propone approfondimenti sul tema del gioco attraverso la storia e la memoria nelle diverse culture ed è luogo di ricerca, formazione e documentazione.

L’edificio è distribuito su una superficie di 2mila e 300 metri quadrati a cui se ne aggiungono altri 8mila metri quadrati di giardino. Dispone di un atelier per i laboratori sui diversi linguaggi creativi, spazi per le attività di gioco e multimedialità e per l’animazione ludica: dal gioco della tradizione popolare a quello di finzione, dai giochi con i tavolieri delle culture antiche a quelli da tavolo contemporanei.

L’area espositiva si sviluppa su più piani in cui sono ospitati percorsi tematici interattivi, collezioni, mostre temporanee e una sala conferenze per incontri di formazione o per iniziative a tema.

Il Centro è inserito, insieme agli altri poli di ITER – Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile – assessorato all’Istruzione comunale, nel Piano d’Azione Torino 2030, grazie al coinvolgimento partecipato di cittadine e cittadini nel mondo dell’educazione, della creatività e della vita civica.

“La Città apre un nuovo spazio dedicato al gioco e alla cultura ludica per le famiglie e per le scuole: un luogo di svago e socializzazione che oggi, più che in passato, a causa delle restrizioni della pandemia risponde al bisogno di stare insieme, soprattutto delle bambine e dei bambini” sottolinea Chiara Appendino, sindaca della Città di Torino.

“Sono molto contenta di inaugurare questo Centro che offre ai tutti i cittadini, adulti e bambini, uno spazio in cui poter condividere esperienze ludiche stimolanti e interattive, visitare mostre strutturate per un approccio evocativo ed emozionale e, al contempo, propone corsi di approfondimento e riflessione sul gioco e sulla cultura ludica – sostiene Antonietta Di Martino, assessora all’Istruzione della Città di Torino -. Una visione a tutto tondo con un occhio attento alle scuole, coinvolte grazie ai Patti educativi di comunità, in percorsi di crescita civile e di apprendimento di nuove conoscenze”.

Il progetto del Centro Cultura Ludica a Torino ha origine nel 1988, con la collaborazione tra la Città di Torino, il CIGI (Comitato Italiano Gioco Infantile) e il Centro internazionale ludoteche. La vocazione alla ricerca della cultura del gioco che lo ha ispirato trova oggi la sua espressione in un piano rinnovato nei contenuti e negli allestimenti in una nuova sede, le cui attività sono rivolte agli allievi e agli studenti dei diversi ordini di scuole, agli insegnanti, alle famiglie e agli appassionati di cultura ludica.

Al piano terreno dell’edificio è ospitata la biblioteca del Centro, punto di riferimento per la ricerca e la formazione sulla cultura ludica. Oltre ad avere una dotazione di più di 4mila volumi, nei suoi scaffali si può trovare la documentazione del CIGI (Comitato Italiano Gioco Infantile) e del Centro internazionale ludoteche e trovano collocazione le sezioni Letteratura Grigia, che raccoglie documenti di varia natura (pubblicazioni, atti di convegni e seminari, testimonianze sull’infanzia e sulle tematiche educative in relazione al gioco) e quella dedicata all’Archivio emeroteca, in cui sono raggruppate riviste italiane ed estere sui temi del gioco dalla fine degli anni Settanta in poi.



In questo articolo: