Treni Piemonte: COMIS chiede il ripristino del servizio a livelli pre-Covid

Il Coordinamento Mobilità Integrata e Sostenibile scrive all’assessore regionale ai Trasporti per “evidenziare alcuni aspetti della mobilità regionale che meritano riflessioni approfondite”. Il COMIS chiede il ripristino del servizio a livelli pre-Covid e in un documento che pubblichiamo di seguito elenca “soppressioni e criticità da risolvere”:

NODO DI BIELLA: Novara Biella Santhià
– giorni feriali: mancanza rinforzo feriale h 7.20 e primi treni del mattino h 5.50 Bi-Sa e ritorno:
– sabati e festivi: forte riduzione del servizio pari al 45% al sabato e di oltre il 50% nei festivi,
– incertezza su elettrificazione Biella Novara che permetterebbe di attivare corse dirette con Milano
e su eliminazione dei passaggi a livello in particolare su tratta Biella Novara.
LINEA TORINO MILANO – linee afferenti:
– Soppresso il primo treno da Milano h 5.15 (prima possibilità di arrivo a Torino da Milano e capoluoghi di provincia serviti dalla linea alle ore 8.06!!!!) e gli ultimi due treni della sera 21.54 e 22.54 (ultima partenza da Torino h 20.54!!!)
– Linea Novara Domodossola: riduzione servizio sia feriale che festivo (essendo linea turistica totalmente insensato), con rinforzi No-Borgomanero limitati al periodo lun-ven.
– Arona Novara Alessandria: servizio inadeguato con “buchi di orario” di 4-5 ore sia nei feriali che festivi, linea che dispone di un ottimo potenziale di sviluppo con un servizio cadenzato per i collegamenti Nord Sud del Piemonte Orientale, oltre che per la lunga percorrenza tra Genova e il Sempione.
NODO ASTI/ALESSANDRIA:
– Asti Acqui Terme: servizio ridotto da 12 ad 8 coppie feriali – sabato e festivi servizio soppresso.
– Alessandria Piacenza: soppresso il 20% delle corse tutti i giorni (5 su 20)
– Alessandria Savona: soppressione 1 coppia di corsa da lunedì a venerdì, festivi servizio ridotto del 50% con la prima corsa da Savona in arrivo ad Alessandria h 12.20 e ultima corsa per Sv in partenza h. 15.40!!
– Alessandria Voghera/Asti: servizio ridotto di circa un 30% rispetto al servizio base.
– Mancata riattivazione: Asti–Alba; Asti–Casale Monferrato; Asti–Chivasso; Alessandria-Cavallermaggiore
NODO CASALE: Chivasso Casale Alessandria:
– servizio ridotto feriali, con 2 corse soppresse (ultima corsa da Alessandria per Chivasso alle 18.35!!, mentre il corrispondente servizio da Chivasso vede ultima partenza alle 20.45),
– sabato: servizio con sole 6 coppie di corse, di cui 2 limitate a Casale M. – festivo: servizio soppresso
– nessun ripristino per la tratta Casale M. Mortara, dopo un doppio ripristino infrastrutturale da 10 mln €
– mancata riapertura linea Vercelli Casale, quale corridoio passeggeri e merci Vercelli-Alessandria-Genova, con ripristino dell’importante dorsale nord-sud per il Piemonte centrale.
NODO CUNEO: Torino Cuneo Ventimiglia:
– Soppressione prima corsa del mattino 4.12 per Torino e ultima corsa serale Torino Cuneo h 23.25
– Fossano Limone: servizio ridotto, in particolare nei festivi, con ultima corsa da Cuneo per Limone ore 15.50!! – servizio inadeguato alla località turistica.
– Cuneo Ventimiglia: solo 2 corse coprono l’intera tratta, ove si necessità di almeno 6/8 coppie treni giorno
– Soppressione totale dei treni sulla Saluzzo – Savigliano e Bra – Cavallermaggiore, con attivazione di inadeguato servizio bus sostitutivo
– Mancata riattivazione: Cuneo – Saluzzo; Cuneo – Mondovì;
TORINO GENOVA: mancanza di un cadenzamento orario per tutte le corse tra Torino e Genova (dorsale fondamentale) – ad oggi alcune relazioni RV limitate ad Alessandria.
SFM: Pinerolo-Torre Pellice: mancato ripristino, nonostante inclusione tratta nel contratto SFM.



In questo articolo: