Per la procura era infermo di mente l’uomo che uccise con 23 coltellate la madre a San Benigno

Secondo la perizia psichiatrica disposta dalla procura di Ivrea, Renato Vecchia è semi infermo di mente. L’uomo, 45 anni di San Benigno Canavese, un anno fa aveva ucciso colpendola con 23 coltellate la madre 64enne, Ermanna Pedrini.

Il pm Alessandro Gallo ha così chiuso le indagini sul delitto. Renato Vecchia è accusato di omicidio volontario aggravato e sta scontando gli arresti domiciliari nel presidio ospedaliero Fatebenfratelli, a San Maurizio Canavese.



In questo articolo: