Arrestati un uomo e una donna per furto in un supermercato di Vercelli

L’intensificazione dei controlli predisposti dalla locale Questura nel periodo delle festività natalizie ha garantito una capillare attività di controllo del territorio di Vercelli tesa a prevenire e contrastare in particolare la commissione di reati contro il patrimonio, oltre che verificare il rispetto della recente e più stringente normativa in materia di covid-19.

Il pianificato aumento dei controlli ha riguardato diverse aree della città, come il centro storico e la zona commerciale interessate da un notevole afflusso di cittadini per la presenza di numerosi esercizi commerciali, senza tuttavia trascurare le periferie da sempre oggetto di particolare attenzione.

Nella mattinata di ieri, infatti, gli operatori della Squadra Volante hanno tratto in arresto due persone per la commissione di un furto commesso ai danni di un noto supermercato del posto.

Gli agenti hanno notato nel parcheggio antistante il supermercato sito nella zona commerciale della città, un uomo che si aggirava con fare sospetto tra le auto. Senza mai perdere di vista il soggetto, i poliziotti hanno notato una donna avvicinarsi allo stesso e
riporre frettolosamente della merce nel bagagliaio dell’auto.

Sottoposti a controllo di polizia i due si sono mostrati sin da subito nervosi ed agitati e non hanno saputo giustificare la presenza della merce all’interno della loro auto. Inoltre sono stati trovati in possesso di piccoli utensili, verosimilmente utilizzati per asportare confezioni di cibo e bevande dagli scaffali senza l’attivazione dell’allarme antitaccheggio.

L’ingente quantità di generi alimentari rinvenuta e lo scontrino fiscale di pochi euro di cui i due fermati erano in possesso hanno consolidato i dubbi già nutriti degli operatori sulla legittima provenienza della merce.

Dagli accertamenti svolti gli agenti hanno inoltre constatato che a carico dei fermati risultavano numerosi precedenti per reati contro il patrimonio commessi proprio in danno di supermercati e diversi centri commerciali del nord Italia commessi con le medesime modalità.

All’esito degli adempimenti di rito e notiziato il Sostituto Procuratore di turno, i due soggetti sono stati tratti in arresto per furto in concorso ed associati presso la locale casa circondariale in attesa di giudizio direttissimo.