Dal 30 giugno scattano le multe per i commercianti che non accetteranno i pagamenti elettronici

In Italia a partire dal 30 giugno, i commercianti che non accetteranno i pagamenti tramite il Pos verranno multati. Questo è quanto previsto nel decreto relativo al raggiungimento degli gli obiettivi contenuti nel Pnrr, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
L’obbligo di di avere il Pos all’interno del proprio esercizio commerciale era entrato in vigore nel 2013, ma non erano previste sanzioni per chi non accettasse i pagamenti elettronici. Le multe sarebbero dovute partire dal primo gennaio 2023, ma il governo ha deciso di anticipare le sanzioni al 30 giugno. La multa sarà di 30 euro a cui si aggiungerà il 4 per cento del valore della transazione.

Oltre a quella appena descritta, nel decreto sono contenute anche altre misure come l’abolizione degli esoneri per la fatturazione elettronica e la trasmissione telematica delle fatture, il potenziamento del sistema di monitoraggio dell’efficientamento energetico attraverso le misure di Ecobonus e Sismabonus fino al 110%. E poi la conoscenza di “almeno una lingua straniera” da verificare nei concorsi per accedere a un posto di lavoro pubblico.



In questo articolo: