Cirio punta a ultimare la Asti – Cuneo entro il 2023

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio punta a ultimare la Asti – Cuneo di cui restano da realizzare circa 9 chilometri,

Confidiamo che nei primi mesi del 2023 si finisca il cantiere attualmente aperto e parta l’ultimo così da mettere fine a un’opera che il Piemonte attende almeno da 40 anni. Il costo del ritardo è stato pagato dalle imprese, penalizzate dal sistema di trasporti e quindi impossibilitate a essere concorrenziali sul mercato.

Mancano pochi mesi al completamento del lotto II.6b che dovrebbe essere pronto entro la fine dell’anno o i primi giorni del 2023, ma rimangono da completare gli ultimi cinque chilometri del lotto II.6a.

Nei giorni scorsi si è riunito il Comitato di supporto alla presenza dell’assessore ai Trasporti Marco Gabusi, dei sindaci dei comuni interessati e dei rappresentanti della società concessionaria, il gruppo Gavio.

Le maggiori tempistiche che ci separano dal completamento complessivo dell’opera sono riferibili agli aspetti amministrativi e autorizzativi che si frappongono ancora oggi all’avvio dei lavori del lotto successivo. La Concessionaria Asti-Cuneo ha comunicato di aver presentato, come già annunciato, tutte le integrazioni richieste al Ministero della Transizione Ecologica con l’obiettivo di chiudere tra il mese di gennaio e il mese di febbraio 2023 l’intero iter autorizzativo con la fase di Valutazione Ambientale e di localizzazione dell’opera . Ciò potrebbe consentire l’avvio dei lavori sul secondo lotto entro il primo semestre del 2023. Proprio per dare continuità logistica agli uomini e ai mezzi già oggi presenti in cantiere, sono state ricalibrate le tempistiche di completamento dei lavori in corso sul primo lotto in modo da poter proseguire, senza soluzione di continuità, i lavori sul lotto ancora da avviare.